La cecità non ha colore: l'Unione Ciechi non si lega a nessun partito!

La cecità non ha colore: l'Unione Ciechi non si lega a nessun partito!

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 2.500 firme!
Silvia Zaru ha lanciato questa petizione

Il Presidente Nazionale dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, dr. Mario Barbuto, attraverso una lettera aperta ai soci, dirigenti, dipendenti, collaboratori, volontari e loro famiglie, ha annunciato la sua candidatura alle prossime elezioni, dichiarando che si autosospenderà fino al giorno delle consultazioni, senza però dimettersi dalla sua carica. 
Pur non essendoci alcun problema di violazione dello Statuto a livello formale, siamo convinti che questo danneggi la nostra Associazione e che possa minarne fortemente la credibilità, venendo meno quella terzietà che, per Statuto, la caratterizza e le permette di dialogare con tutte le forze politiche e le Istituzioni locali e nazionali.
Non mettiamo assolutamente in discussione la libertà di candidarsi, come cittadino, con questo o quel partito, né le valutazioni personali di ciascun individuo; crediamo però che debbano rimanere tali e non debbano essere presentate come opportunità di tutela degli interessi della nostra categoria, per giunta utilizzando i canali pubblici dell'Associazione (stampa associativa, pagina social, radio).
Chiediamo pertanto al Presidente Barbuto le dimissioni immediate dalla sua carica.
Chiediamo inoltre al Consiglio Nazionale di prendere posizione in tal senso, convocare al più presto un Congresso straordinario e indire nuove elezioni, preservando così la terzietà dell'Unione e il dialogo trasversale con la politica, a maggior tutela di tutti i  ciechi e ipovedenti italiani.

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 2.500 firme!