Stop ai parcheggi a pagamento intorno e dentro agli ospedali

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


Egregi Signori, Da anni vedo parcheggi a pagamento intorno agli ospedali dove i cittadini arrivano spesso di corsa, a volte trasportando un malato in gravi condizioni. Questi, sono obbligati a pagare tariffe proibitive per stazionare nelle zone davanti agli ospedali, a cui ormai non si può più accedere liberamente da nessuna parte. Se loro hanno fretta, rischiano di non fare in tempo a trasportare il malato bisognoso in ospedale perché devono correre alla macchinetta per mettere la monetina, sperando che nel frattempo la loro auto non venga multata o portata via con il carro-attrezzi (i carri-attrezzi sono molto veloci, ho visto questa scena per più volte). Le auto che non hanno il tagliando di pagamento sul vetro o quelle che sono parcheggiate in uno spazio fuori dalle righe vengono subito multate o portate via con il carro-attrezzi. Una volta una persona è corsa in auto in un'ospedale di Bologna con suo marito perché stava per partorire, ma l'ospedale non aveva posto. Mentre erano scesi di macchina per entrare in ospedale, il carro-attrezzi era già arrivato e la macchina è stata portata via. I due hanno dovuto recarsi presso un altro ospedale in taxi. Ma ho visto anche altri casi. L'ultimo è stato nel mese di gennaio scorso, quando ho accompagnato mio padre all'ospedale perché aveva appena subito un'ischemia. La zona intorno all'Ospedale Maggiore di Bologna era tutta occupata da strisce blu (a pagamento) e da strisce gialle (zone di servizio). Non c'erano più zone che non fossero controllate da un parcheggiatore privato. I parcheggi intorno erano tutti parcheggi a pagamento. Mi è stato spiegato che anche se il territorio è del comune, le zone intorno agli ospedali vengono date in concessione a dei privati per un numero di anni dietro pagamento di una tariffa, perché lucrino sui cittadini con prezzi alle stelle e facciano portare via le auto col carro-attrezzi al minimo problema in una zona che dovrebbe essere libera per tutti. Questo lede i diritti dei cittadini e rende ulteriormente difficile la vita nelle città, specialmente nella fruizione di un diritto fondamentale come quello di ricevere servizi sanitari e farsi assistere in caso di bisogno. A volte tale bisogno è urgente e può anche essere a rischio una o più vite. Vi scrivo con la viva speranza che possiate fare una legge o prevedere un'iniziativa perché le zone intorno agli ospedali possano essere rese libere come erano in passato. Vi prego di voler considerare una legislazione che impedisca la concessione delle zone pubbliche davanti agli ospedali ai privati perché speculino su un diritto fondamentale dei cittadini: ricevere assistenza sanitaria in caso di bisogno senza rischiare la vita. Se il pericolo di applicare tale legge è che persone non dirette negli ospedali abusino di tali spazi e finiscano per occuparli per andare a fare shopping in una zona vicina, si potrebbe sempre prevedere un sistema di controllo che verifichi che le persone che parcheggiano siano effettivamente dirette all'ospedale, ma senza toccare le tasche dei cittadini. Andare all'ospedale deve essere un diritto e una necessità, non un vizio o un divertimento. Ringraziando per la cortese attenzione, porgo distinti saluti. Margherita Salvador



Oggi: Margherita conta su di te

Margherita Salvador ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Jean-Claude Juncker: Stop ai parcheggi a pagamento intorno agli ospedali". Unisciti con Margherita ed 124 sostenitori più oggi.