Intitolazione a Giulio Regeni di uno spazio di viabilità a Termini Imerese

Intitolazione a Giulio Regeni di uno spazio di viabilità a Termini Imerese

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!
Riuniamo Termini ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Giunta Comunale di Termini Imerese

Lo scorso 23 dicembre, un Consigliere Comunale della Lega, dopo aver presentato apposita interrogazione consiliare urgente, rilasciava un comunicato stampa in cui si diceva determinato a far sì che la nostra città avesse finalmente la sua intitolazione a Giorgio Almirante, ristabilendo così il giusto corso della storia. La relativa delibera, infatti, approvata dalla Giunta Municipale il 19/09/2018, risulta ancora bloccata in Prefettura.

Considerato che noi di Riuniamo Termini riteniamo di collocarci tra coloro che, come scrive il consigliere, “a distanza di mezzo secolo, non riescono a superare visioni cancellate dalla storia” e che, quindi, ritengono illegittima e oltraggiosa l’intitolazione di una parte della città ad Almirante, abbiamo accolto il suo invito ad approcciarci al periodo storico di cui Almirante è protagonista nella maniera più obiettiva e spassionata possibile, cercando persino di approfondire il ruolo che egli ebbe nella storia del nostro Paese.

Poi ci siamo posti, però, una domanda: è da considerarsi lecito e razionale voler prendere le distanze da chi si servì del suo mestiere prima per inneggiare alla "coscienza della razza", fomentando di fatto la persecuzione di centinaia di migliaia di cittadini italiani, e successivamente per raccontare la generosa civilizzazione dei barbari libici operata dagli italiani e che, persino dopo l'istituzione della Repubblica, collaborò con chi più volte attentò alle istituzioni democratiche del nostro Paese?

Abbiamo, quindi, intrapreso una riflessione vera sulla storia e provato a lanciare una controproposta che mettesse in luce gli ideali e le caratteristiche umane che pensiamo debbano appartenere al destinatario di un’intitolazione, a chi merita indiscutibilmente di essere ricordato da chi, ogni giorno, attraversa le vie di questa città. Queste sono le motivazioni che ci hanno spinto a pensare a Giulio Regeni, la cui vita è stata davvero cancellata dalla storia. Giulio era, infatti, uno studioso del Medio Oriente, un giornalista che provava a raccontare tutti i limiti di un regime autoritario, un regime che ignora sistematicamente il rispetto dei più basilari diritti umani, che reprime ogni tentativo di mobilitazione civile, qual è ancora oggi l’Egitto. E lo faceva provando ad ascoltare le voci dei lavoratori e dei sindacati.

In occasione del quinto anniversario della sua morte, abbiamo, dunque, deciso di lanciare una petizione per chiedere che lo spazio di viabilità tra Via Circonvallazione Castello, Via Iannelli, Piazza San Giovanni e Via Graffeo, di cui precedentemente è stata chiesta l’intitolazione a Giorgio Almirante, sia invece dedicato a Giulio Regeni. Intendiamo farci portatori di questa richiesta all’interno del Consiglio Comunale e vorremmo corredarla della sottoscrizione da parte dell’intera cittadinanza, proprio per dare dimostrazione di quali sono i valori in cui la città si riconosce e, con essa, rendere tributo all’esempio che Giulio Regeni ha rappresentato per tutti noi.

La nostra proposta si inserisce, infatti, nel quadro delle iniziative volte a chiedere verità sulla sua morte e si pone come ferma condanna di tutti depistaggi, i silenzi e le bugie che hanno contraddistinto l’atteggiamento del Governo egiziano fin dall’inizio della vicenda.

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!