: Riconoscimento periodo di addestramento professionale ai fini pensionistici...

PETIZIONE CHIUSA

: Riconoscimento periodo di addestramento professionale ai fini pensionistici...

Questa petizione aveva 49 sostenitori
Salvatore Giarrusso ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a INPS, FIOM, FIM, UILM, PD, SEL, M5S, LA SICILIA, REPUBBLICA, TELJATO, MINISTERO DEL LAVORO, MINISTRO

INPS, FIOM, FIM, UILM, PD, SEL, M5S, LA SICILIA, REPUBBLICA, TELJATO, MINISTERO DEL LAVORO, MINISTRO DEL LAVORO.

OGGETTO: Riconoscimento periodo di addestramento professionale ai fini pensionistici.

 

Il contratto dei metalmeccanici, vede raggruppati parecchie figure professionali. Lavoratori delle catene di montaggio, meccanici e manutentori di macchine, idraulici, orafi, odontoiatri, impiantisti industriali.

Questi ultimi, per comprendere meglio le loro peculiarità, sono saldatori, tubisti, montatori, gruisti, imbragatori, sono coloro in larga maggioranza che ricoprono tutta la fascia operaia dell’impiantistica.

Per capire meglio, sono quegli operai  ai quali si consegna un disegno, e attraverso la costruzione del disegno, realizzano opere complesse e importanti per la vita di tutti noi.

Questa opere, sono: Centrali elettriche, prima termoelettriche, poi nucleari, ora turbogas, e comunque, per produrre energia elettrica. Dal nulla, all’energia utile per fare girare il mondo;

Impianti petrolchimici, che trasformano i derivati del petrolio, per realizzare materie prime, che a loro volta, danno vita a prodotti di base utili per prodotti finiti quali indumenti, plastiche, e una miriadi di prodotti e sottoprodotti che vanno dal piatto di plastica, alla chimica fine utilizzata anche in medicina;

Raffinerie, quegli impianti che dal greggio, ricavano tutti le benzine, i carburanti, oli, per arrivare alle sostanze bituminosi che larga applicazione hanno anche in altri settori;

Navi, civili e industriali, gasiere e da crociera, navi militari e sommergibili;

piattaforme per le estrazioni sia di gas che di petrolio;

 Tubazioni enormi utili per il trasporto di gas provenienti da tutto il mondo, tubazioni, stazioni di pompaggio, percorsi che attraversano continenti e  mari.

Acciaierie, impianti che attraverso la liquefazione di rottami di ferro, producono, tutta una serie di acciai che a sua volta servono come materia prima per la costruzione di motori, auto, aerei, fino ad arrivare al più modesto utilizzo della carta alluminio della cucina.

Queste sono alcune delle principali attività che i metalmeccanici del settore impiantistico hanno realizzato e realizzano in Italia e nel mondo.

Da qui, si evince la grande professionalità profusa, e la grande difficoltà che l’impiantistica affronta ogni giorno.

Questa branca dei metalmeccanici, è stata sottoposta per anni, fino al 92, ad un contatto con l’amianto quotidiano. Tanti hanno usufruito di alcune normative per anticipare la pensione, tanti altri, non hanno avuto la passibilità di dimostrarlo, perciò continuano a lavorare. Tanti altri ancora, (purtroppo) non hanno potuto fare ne l’una, ne l’altra, perché non ci sono più.

Tutti comunque, hanno lavorato e lavorano tutt’ora in ambienti dove si respirano le esalazioni degli impianti di trasformazione dei vari prodotti.

Questo determina nelle popolazioni che ricadono nelle zone dove risiedono  codesti impianti, acciaierie, impianti petrolchimici, raffinerie, delle alterazioni di malattie varie, cioè aumento di quelle percentuali rispetto ad altre zone libere e comunque, rispetto alla media nazionale.

Ora, tenendo conto che con l’avanzare dell’età, lavorare in questo settore diventa difficoltoso, tenendo conto del contributo  importante e utile profuso da questo settore, tenendo conto del rischio colpevole al quale è stato sottoposto per lunghi anni (prima del 92) con l’amianto il settore impiantistico tutto,  rischio non ancora eliminato del tutto, tenendo conto che con l’introduzione della legge Fornero, si è allontanata la possibilità di andare in pensione, tenendo conto che la stessa normativa vigente, ha creato situazioni di disagio a tanti lavoratori creando gli “esodati”, ribadendo l’oggetto,        Riconoscimento periodo di addestramento professionale ai fini pensionistici.

                                             chiediamo al sindacato, di prendere coscienza di una questione legittima;

alla politica di mettere in ordine del giorno il problema attraverso la commissione lavoro, per elaborare una proposta di legge risolutiva;

 all’inps, di prendere atto di questa anomalia e di predisporre quanto di sua competenza;

  Ai giornali, di supportare questo viatico di doveroso riconoscimento, verso dei lavoratori facente parte di quei pochi motori della Nostra economia.

Firmato da tutti quei metalmeccanici che dopo avere subito quanto espresso sopra, dopo che hanno partecipato (come altri lavoratori) , a creare ricchezza per loro e per la societa’, oggi, subiscono l’onta dell’inattivita’ la frustrazione della cassa integrazione per la mancanza di un piano industriale che sta impoverendo sempre di piu’ il nostro paese.

PETIZIONE CHIUSA

Questa petizione aveva 49 sostenitori

Condividi questa petizione