Il Ponte dei Sospiri di Ferro. Riapriamo la ciclopedonale Tevere!

Il Ponte dei Sospiri di Ferro. Riapriamo la ciclopedonale Tevere!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!

Il 12 dicembre 2021, in pompa magna e alla presenza del Sindaco di Roma Capitale On.le Roberto Gualtieri e degli assessori alla Mobilità e alla Infrastrutture, nonché del Presidente del VII municipio, la parte carrabile del Ponte dell'Industria, noto popolarmente come Ponte di Ferro, è stato aperto alla circolazione motoristica.

Il Sindaco e tutte le Istituzioni Capitoline a tutt’oggi si sono completamente disinteressate della sottostante banchina del Tevere e della presente ciclopedonale anch'esse coinvolte dall’incendio del 2 Ottobre 2021 e chiuse al transito dei pedoni e dei ciclisti, a seguito del crollo di parte del ponte, che a tutt’oggi ne inibisce l’uso perché è non stato ancora rimosso.
Da 5 mesi la città di Roma, e in particolar modo un intero quadrante peraltro molto cementificato, sono stati privati di un luogo dove passeggiare, poter fare attività sportiva, pedalare per svago e per spostarsi da una parte all'altra della città, godendo della serenità del Tevere. Si è sottratta fruibilità del verde, si è sottratto un percorso di mobilità dolce alle cittadine ed ai cittadini.

Ancora una volta si è palesata la discriminazione che l’Amministrazione Capitolina ha nei confronti di chi ha scelto una mobilità ecosostenibile, quali pedoni e ciclisti, e un diverso modo di vivere le bellezze della Città Eterna più vicino.

Oramai è trascorso troppo tempo chiediamo URGENTEMENTE:
la rimozione della carcassa di ponte presente sulla banchina del Tevere e  il ripristino della ciclopedonale presente.


In una città dove il tasso di mortalità sulle strade urbane è tra i più alti in Europa, non è possibile che uno spazio dove le famiglie, i pedoni, i ciclisti sono al sicuro dalla violenza stradale resti chiuso per l’ inefficienza e la mancanza di attenzione dell’Amministrazione Capitolina a una ampissima e vulnerabile fascia della cittadinanza romana, considerandola in tal modo   

CITTADINANZA DI SERIE B NON MERITEVOLE DELLA SUA ATTENZIONE.

Chiediamo al Sindaco di Roma Capitale On.Le Roberto Gualtieri, all'Amministrazione Capitolina, al Presidente della Regione Lazio On.le Zingaretti, alle Sovraintendenze competenti la riapertura immediata.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!