Abolizione "accreditamento a titolo oneroso" per guide turistiche al Colosseo.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Abolizione del sistema di "accreditamento a titolo oneroso", previsto dal Parco Archeologico del Colosseo, per l'ingresso delle guide turistiche abilitate.

Richiesta di un "biglietto gratuito annuale" riservato alle guide abilitate e restituzione degli importi già versati nel 2019/20.

Nel 2018 la Direzione del Parco Archeologico del Colosseo ha deciso, motu proprio, di revocare, alle Guide Turistiche Abilitate, la validità della "card multingresso gratuita" per accedere al Colosseo, Foro Romano e Palatino.

Il nuovo pass di accesso non è più gratuito e viene rilasciato solo dopo una complicata procedura informatica di accreditamento. 

Tale "accreditamento" non è contemplato da alcuna norma o provvedimento legislativo.

L'ulteriore conferimento di un badge di "Guida accreditata dal Parco Archeologico del Colosseo" viene usato come se fosse un titolo abilitativo rilasciato dal Parco.

Il Parco può legittimamente rilasciare biglietti gratuiti di validità annuale alle Guide Turistiche ma, in assenza di leggi, non può rilasciare loro "accreditamenti".

Riteniamo inoltre che il costo di €20, richiesto ad ogni Guida turistica per la "gestione della pratica", sia illegittimo perché contrario al diritto di accesso gratuito previsto dalla legge e "senza limitazione alcuna" (D.M. 507/97 e D.M.13/19, c.re Mibact 20/2016).

Temiamo anche che questa pratica di accreditamento, a titolo oneroso, possa rapidamente estendersi ad altri Musei di rilevanza turistica e siti archeologici d'Italia e che una nuova richiesta di pagamento, alla scadenza della sua validità sia rincarabile nel tempo, diventando così un vero e proprio abbonamento annuale.

Per tutte queste ragioni ti chiediamo di firmare la petizione per affermare il principio che nessun lavoratore debba pagare alcunché per accedere ai luoghi di lavoro e che nessun titolo di accreditamento o altro requisito possa sovrapporsi o sostituirsi all'abilitazione ufficiale.

Hanno lanciato la petizione:

NoiTurismo, Gruppo di Rete Difesa Turismo, USB, FEDERAGIT-ROMA, SNGT e Fe.Na.L.T. Salpi.