Vittoria

Firma a favore della revoca dell'ordinanza 418/15 emessa dal Sindaco di Piacenza

Questa petizione ha creato un cambiamento con 323 sostenitori!


Il 13/07/2015 la giunta di Piacenza ha adottato l'ordinanza n. 418 che obbliga i proprietari di cani a lavare le deiezioni liquide dei loro animali. Sarebbe un provvedimento dettato a tutela della salute pubblica per via del caldo eccezionale di quest'anno, si legge nell'atto, ma è stato assunto in totale assenza di reali esigenze igienico-sanitarie, senza previsione di un limite temporale, in violazione di legge ed eccesso di potere e solo per dar soddisfazione ad una fazione del tutto minoritaria della cittadinanza che non ha a cuore i cani e probabilmente gli animali d'affezione in genere, per altro in un periodo - quello estivo - in cui ci si mobilità a livello nazionale per sensibilizzare la popolazione e disincentivare gli abbandoni. 

L'ordinanza impone di lavare le deiezioni liquide su :" suolo pubblico (quali marciapiedi, strade, piazze) e muri di affaccio degli stabili anche
privati, ovunque si trovino" ignorando del tutto che Piacenza è una città priva di spazi verdi destinati ai cani, essendo stati quasi tutti i giardini pubblici inibiti al loro accesso.

L'ordinanza per altro non prende nemmeno in considerazione che molti hanno più di un cane, magari anche di grosse dimensioni, nè l'età e le condizioni dell'animale, ed àncora l'obbligo di lavare le deiezioni liquide al solo bisogno fisiologico dell'animale stesso.

Non solo, l'ordinanza - nella sua genericità contrasta con le norme generali del diritto - non può un provvedimento comunale derogare ad una norma generale. Il possesso o detenzione di animali inerisce sulla responsabilità verso terzi nel caso in cui l'animale rechi un danno. Il principio sanzionatorio in sede amministrativa e' una potestà che deve scaturire da una norma di diritto.


Noi siamo dalla parte dei nostri cani e vogliamo che questa ordinanza sia immediatamente revocata.
I proprietari di cani, infatti, non sono dei minus habens, ma anzi nella maggior parte dei casi persone dotate di grande sensibilità per l'ambiente e di uno spiccato senso civico.

L'educazione di coloro che non rispettano le regole non passa attraverso l'imposizione illegittima ed indiscriminata di comportamenti inattuabili, ma attraverso una corretta informativa ed uno stimolo ad una maggiore partecipazione al vivere civile. 



Oggi: Cristina conta su di te

Cristina Balteri ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "https://www.facebook.com/groups/1642879855998268/: Firma a favore della revoca dell'ordinanza 418/15 emessa dal Sindaco di Piacenza". Unisciti con Cristina ed 322 sostenitori più oggi.