Non Fermiamoci Ancora!

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


#nonfermiamociancora

Siamo profondamente consapevoli dell’impegno delle Istituzioni teso a portare l’intero Paese fuori, quanto più rapidamente possibile, dalla grave pandemia che ci ha colpito.

L’impegno personale di moltissimi cittadini che hanno presentato richiesta di arruolamento volontario presso la Protezione Civile, la Croce Rossa e altre associazioni di volontariato, dimostra che la popolazione ha compreso la necessità di essere vicini agli operatori sanitari, vicini alle decisioni del Governo, attivi e presenti sul territorio per correre in aiuto di quanti possano avere condizione di necessità.

Occorre però ora portare attenzione alle gravi conseguenze fisiche e psicologiche legate alle significative restrizioni sociali imposte.

Pur comprendendo la necessità di tali provvedimenti restrittivi, soprattutto in vista di una curva di contagio ascendente e di ricoveri decisamente imponenti, riteniamo che debba comunque essere tutelata anche la salute dei sani e non solo dei malati.

E’ necessario, dopo il prolungato periodo di restrizioni sociali, tener conto dell’effetto nocebo di dette restrizioni sulla popolazione e chiediamo pertanto di distinguere tra persone a rischio e persone non a rischio, consentendo a queste ultime di mantenere la propria salute psicofisica.

Riaprire dunque! Garantendo le distanze sulla base dell’intelligenza personale e del rispetto dei diritti umani.

Il divieto di passeggiare o di correre, il divieto di uscire se non per comprovati motivi di necessità, non potrà prolungarsi a lungo senza provocare grave e significativo impatto su tutta la popolazione.

Chiediamo pertanto che questo aspetto venga sottoposto a seria riflessione da parte di significative e competenti figure professionali.

Definizione di Salute Organizzazione Mondiale della Sanità

"stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia"