lotta In autonomia: lotta per rendere i mezzi pubblici accessibili a tutti

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Vivere, ma senza autonomia, è vivere in libertà?
È la domanda che ognuno di noi si pone quando ha di fronte a sé un ostacolo che non può essere superato, se non con l'ausilio di qualcuno.
È una premessa, ma anche il riassunto, del motivo per cui lanciamo questa petizione.
Si chiama Angelo, ha 21anni, studia Giurisprudenza presso la LUM ed è uno studente con problemi motori, un disabile.
Angelo ha solo una richiesta: vuole essere autonomo, chiede maggiore autonomia.

La storia di Angelo, purtroppo, è la storia di tanti.
Chi è affetto di disabilità oggi, nel 2018, non gode effettivamente delle tutele di cui dovrebbe godere nonostante norme e sentenze lo sanciscano.
È frustante che in una Repubblica come la nostra, che garantisce nei cardini della sua carta costituente le giuste misure, un disabile sia costretto ad essere un peso per la sua famiglia quando è costretto a muoversi fuori dalle mura di casa.
La battaglia che vogliamo portare avanti ha come obiettivo quello di rendere i mezzi pubblici fruibili anche per i disabili attraverso l'ausilio obbligatorio di pedane.

Un piccolo gesto che donerebbe autonomia e libertà di movimento a chi, per cause naturali e non, non ne è dotato e, che a causa di barriere architettoniche, vive con grossi disagi.
La questione che vogliamo venga affrontata ha due facce: una sociale ed una economica.
L'incapacità di muoversi come si vuole e quando lo si vuole, complica di gran lunga la possibilità di intrattenere rapporti di ogni genere e questo induce i soggetti affetti di disabilità ad essere dipendenti da qualcuno o peggio ancora a privarsi del rapporto in sé in quanto impossibilitati a costruirlo e a portarlo avanti.

Quello economico: il disabile che non può usufruire del mezzo pubblico diventa, per ovvie ragioni, un peso economico non indifferente, come se essere disabili sia una colpa.
E come se essere disabili sia un lusso.

Aiutaci in questa causa, fallo per tutti coloro che chiedono di essere autonomi.
Guerrieri che chiedono solo armi con cui combattere le propria battaglia durante la routine quotidiana, senza che ci sia qualcuno che lo faccia al loro posto



Oggi: Angelo conta su di te

Angelo Laguardia ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Governo e Ministro Fontana : Liberi in autonomia: Lotta per rendere i bus publici e privati accessibili a tutti". Unisciti con Angelo ed 2.105 sostenitori più oggi.