Appello dei sindacati dei pensionati per un nuovo welfare

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil chiedono a Governo, Parlamento, istituzioni regionali e locali che il welfare torni ad essere una delle priorità di questo Paese.
Per uno Stato sociale efficiente chiediamo:

- una legge-quadro nazionale sulla non autosufficienza;
- rilancio del Servizio sanitario nazionale;
- la riforma delle Rsa e della domiciliarità;
- la rivalutazione delle pensioni e l’ampliamento della 14esima mensilità.

E’ necessario un intervento sulla non autosufficienza: c’è bisogno di una legge di civiltà che manca da molto tempo, resa ancora più urgente dall’impatto che la pandemia di Covid-19 sta avendo in particolare sulla popolazione anziana più fragile ed esposta. Serve un modello di sanità ripensato, un modello di sanità universale e “pubblica”, che contribuisca in tal modo al rilancio dello Stato sociale. Bisogna intervenire immediatamente per mettere in sicurezza tutte le Rsa e garantire la presenza al loro interno di personale adeguatamente formato. Infine, è un diritto sacrosanto per i pensionati poter avere un’equa rivalutazione dei trattamenti pensionistici, insieme all'ampliamento della quattordicesima mensilità.

Ci devono ascoltare!

 



Oggi: Anna conta su di te

Anna Taverniti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Governo e Istituzioni : Appello dei sindacati dei pensionati per un nuovo welfare". Unisciti con Anna ed 3.925 sostenitori più oggi.