Pensione uguale per tutti a 55 anni e € 1.500 mensili di assegno .

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Spettabile Governo e camera dei parlamentari della Repubblica Italiana .

E alla massima carica rappresentativa della Repubblica Italiana

Presidente della repubblica Italiana signor Sergio Mattarella .

Oggetto : pensione unica a 55 anni con assegno pensionistico mensile di  

€ 1.500.00 uguale  per tutti .

Chiedo a tutti voi egregi deputati e signor Presidente , che venga modificato il decreto per le pensioni ,  che venga introdotto l’età massima pensionabile a 55 anni e un assegno mensile che sia unico e uguale per tutti con la somma mensile di € 1.500.

Ne spiego i motivi ed invito tutti voi cittadini ad appoggiare la presente petizione per farla diventare legge ed attuarla in nome del popolo Italiano .

Il caro vita è le vessazioni fiscali che il governo impone in nome del pareggio dei conti ha portato un forte disagio sociale , che si esprime con disoccupazione e difficolta economica per la sopravvivenza quotidiana  ormai sono molti che hanno perso un tetto sopra la testa e si sono trovati a vivere all’addiaccio .

L’imposizione di un tetto massimo pensionabile di età superiore ai 60 anni   blocca ai giovani l’ingresso al mondo del lavoro, mentre dai 50 anni in avanti il corpo inizia lentamente a regredire , le condizioni lavorative ne possono peggiorare lo stato di salute e quando si arriva al età pensionabile una buona parte deve fare i conti con la salute e quel minimo che il governo garantisce con il nome di pensione , serve solo a pagare le medicine e a fare i salti mortali per sopravvivere “parliamo di € 600 /800” per i fortunati che li percepiscono , figuriamoci chi non li ha .

Altro punto fondamentale sono stati i versamenti pensionistici , chi ha avuto la fortuna di occupare ruoli lavorativi importanti e relativi ed importanti stipendi , a versato in base al reddito mensile e si ritrova a vivere con una pensione molto alta , quel reddito dato a questi signori che  è anche vero che hanno versato tanto come contributi ,  ma è altrettanto vero che con quei stipendi hanno vissuto molto decorosamente permettendosi si realizzare i famosi sogni nel cassetto ;

Mentre vi è una fascia della popolazione “e sono molti” che nel corso della loro vita lavorativa , si sono visti , licenziati , alcuni costretti a  lavorare in nero , creando quei presupposti di  una forte instabilità lavorativa ed economica, faticando nel vivere quotidiano o vivendo  al livello di povertà .

Per non dimenticare gli esodati della legge Fornero  e quei signori /e che si sono tolti la vita per delle cartelle esattoriali maggiorate di interessi , lasciando nella disperazione più totale le loro famiglie , dove le tasse sono ritornate a chiedere il dazio .

Egregi signori parlo della gente semplice che vive e non ha soldi per difendersi , me compreso , ma che deve subire ogni ingiustizia sociale in nome della quadratura dei conti pubblici, Ha senso pagare un canone Rai ad una tv che fattura milioni e paga stipendi quasi milionari a dirigenti e dipendenti , mentre la gente fatica a vivere ?

Se ha coraggio la Rai  ,si metta nel mercato come le altre e lasci quella parte di tassa nel portafoglio delle famiglie italiane , che facendo la spesa contribuiscono lo stesso al far bisogno dello stato , facendo girare denaro nell’economia reale “bottegai, fabbriche e vari indotti commerciali”

Far girare il denaro è il vero motivo di far migliorare lo stato sociale delle persone e dell’economie in generale .

Vessare significa uccidere le persone , ridurre alla fame ,significa creare disagio sociale , bloccare le idee per uno sviluppo , che vengono offuscate da sentimenti di rabbia e xenofobia ,che possono sfociare in violenza fisica ,ne possono  generare distruzione e disperazione , avvantagiando  partiti estremisti e un mercato bancario sempre più chiuso al popolo, ma tutelativo  per multinazionali senza scrupoli.

 Dare una pensione unica uguale per tutti significa dare dignità al popolo Significa generare economia al mercato , significa che chi ha 55 anni si  ha ancora la forza di essere utili a se stessi e al prossimo , avere la certezza della pensione significa ricreare una nuova vita con serenità dopo anni di lavoro/i passati nei posti più duri , o  precari  senza garanzie tutelative e lavori logoranti,mentalmente che fisicamente.

Significa che un ragazzo /a di 20 anni ha un ingresso nel mondo del lavoro quasi subito ”magari un posto di lavoro creato da un pensionato che investe una parte della sua pensione a creare , imprenditorialità , dove  pagherà le giuste tasse facendo cumolo con le future entrate generate sul reale prodotto o servizio fatturato e non tassato n sul presunto reddito analizzato  da studi ipotetici di settore  ”   

Il ragazzo/a che entra nel mercato del lavoro ,inizia a generare reddito ,  a creare i giusti presupposti per una vita dignitosa, formando quei nuclei familiari utili alla società e alla crescita della nazione  stessa “Una famiglia”  .

Chi percepisce  pensioni mensili,  alte prenderà la stessa pensione come tutti “€1.500” e si dovrà sentirà orgoglioso di far parte di un progetto che darà dignità al cittadino è alla nazione Italia , contribuendo  avrà  generato posti di  lavoro, magari a suo figlio che è tuttora disoccupato, perché alla fine dei conti siamo uomini/donne dotati di umanità  e non di mero egoismo , giusto ? 

Chi non ha raggiuto gli anni di contribuzione fino al 55 anno , lo stato dara lo stesso contributo mensile € 1.500 .con un eccezione , che ogni tre mesi gli detrae € 750 mensile come cumolo contributivo mancante per il raggiungimento degli anni mancanti 

D’altronde il denaro che cosa è ? é un attestazione del grado di fiducia verso il prossimo , tolto questa funzione è soltanto carta straccia ,  credito elettronico senza valore.

La vera ricchezza siamo noi uomini, donne , cittadini , Popolo, Nazione . ricordandoci che Uniti si può . Grazie a noi Uomini semplici .

Vizzi Rosario 220.764.



Oggi: Rosario conta su di te

Rosario Vizzi' ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Governo e camera dei parlamentari della Repubblica Italiana : Pensione uguale per tutti a 55 anni e € 1.500 mensili di assegno .". Unisciti con Rosario ed 28 sostenitori più oggi.