LASCIATE VIVERE IL TEATRO ELISEO!

0 hanno firmato. Arriviamo a 15.000.


NEL 2020 IL TEATRO ELISEO SARA' COSTRETTO A CHIUDERE!

Dopo la beffa del Teatro Valle, una ferita mai suturata della Capitale, anche l'Eliseo sembra avviarsi verso un doloroso oblio. Ed è paradossale e beffardo che questo possa accadere sulle ceneri del festeggiamento del suo primo centenario.

Eppure, non dovrebbe essere necessario ricordare alle Istituzioni come questo teatro abbia cullato e custodito le opere dei Fratelli De Filippo, l’esordio di un giovanissimo Luchino Visconti e come la stella della sua prima Compagnia Teatrale rispondesse al nome di Anna Magnani. E non dovrebbe nemmeno essere necessario cercare in Petrolini, Totò o Macario degli ulteriori quanto straordinari crediti culturali. 

IL NOSTRO APPELLO

Comprendiamo bene come non ci si possa barricare sempre su dei meriti legati alla memoria. L'ELISEO E' VIVO E HA RISVEGLIATO UNA COMUNITA'.

Offre tre programmazioni diverse, una più tradizionale ospitata dalla sala grande, e altre due dedicate alle nuove drammaturgie, proposte al Piccolo Eliseo e all'Eliseo off. Quello che dovrebbe essere un Tempio della cultura viene invece considerato, dal mondo politico, l'ultimo dei teatri italiani.  E il primo, dunque, destinato a chiudere i battenti.

Ci rivolgiamo alle Istituzioni, a cui affidiamo la nostra quotidianità e che, solo qualche anno fa, hanno voluto la rinascita dell'Eliseo. E' un nostro diritto sapere che valore diano OGGI alle sale del teatro, ai loro spettacoli di eccellenza e agli appuntamenti culturali fuori cartellone. E' un nostro diritto capire - senza ambiguità - se la vita di un Teatro, in un momento di smarrimento culturale come quello che stiamo vivendo, sia – per Loro - un’occasione da non perdere o solo un fardello accessorio di cui disfarsi senza ripensamenti.

LASCIATE VIVERE IL TEATRO ELISEO!

Noi amiamo e difendiamo l’Eliseo. Facciamo la nostra parte pagando biglietti e  abbonamenti. Sosteniamo così tutte le professionalità che ci regalano la magia di ogni spettacolo.

Noi partecipiamo a quegli appuntamenti culturali che non hanno mai un colore politico. Noi ci riconosciamo piuttosto in un arcobaleno di possibilità e punti di vista diversi. Crediamo che, su questa ricchezza, si qualifichi non solo un teatro ma una Città così importante e un intero Paese.

Come cittadini, ci meritiamo la messa in sicurezza economica del sipario dell’Eliseo perché possa ancora aprirsi su una nuova stagione. 

COME POTETE AIUTARCI

Cento e più anni di mutamenti, di sperimentazioni, di esordi.
Cento e più anni di storie necessarie e di Arte.
Sono pagine che non si possono cancellare voltando le spalle.

Accogliete il nostro appello.
Firmatelo insieme a noi. Solo così non ci piegheremo a questo doloroso atto di rassegnazione.

GRAZIE!