Vittoria

Diciamo No alla apertura di una Casa accoglienza per 250 Rifugiati a Settecamini. Vogliamo la REVOCA DEFINITIVA del provvedimento

Questa petizione ha creato un cambiamento con 380 sostenitori!


Diciamo No alla apertura di una Casa accoglienza per RIFUGIATI a Settecamini , istituita dal PREFETTO di Roma in barba alle istituzioni locali che dichiarano di non essere state mai interrogate in merito a tale soluzione.

                                     Chiediamo la REVOCA  immediata del provvedimento

 250  RIFUGITI dovrebbero essere trasferiti a Settecamini di Roma, in un edificio adiacente il supermercato DICO, in una zona abitata da migliaia di persone, che con sacrificio pagano il mutuo l’affitto vivendo i quotidiani disagi della  periferia della Tiburtina che da decenni è afflitta da problemi Urbanistici, Inquinamento industriale, presenza sempre più massiva di extracomunitari che occupano stabili industriali e non sfitti lungo la Tiburtina, campi ROM come quello di Via di Salone dopo lo scampato pericolo di trasferire a Via Forno Casale anche quello del Casilino, la discarica di Guidonia, l'inquinamento atmosferico della BASF,per non parlare delle politiche abitative, di mobilità, di gestione del patrimonio e delle aree pubbliche, della qualità dei servizi alla persona, della gestione dei rifiuti e dell’ambiente, e perché no , delle scuole.

Non ultima  la chiusura della Scuola Elementare NUZZO per inadeguatezza alle Norme di Sicurezza,  con centinaia di bambini ai quali sarà momentaneamente sottratto il diritto di andare a scuola con conseguenti problemi anche a livelo di gestione familiare.

La precarietà aumenta, l’insicurezza governa, il malcontento è sempre più diffuso, i cittadini non sanno come arrivare alla fine del mese per le tassazioni a cui sono soggetti ed il caro vita, a parte la disoccupazione e qualcuno cosa decide in barba a tutto questo ?

                       APRIRE UNA CASA ACCOGLIENZA PER 250 RIFUGIATI (SPRAR)

 Siamo al paradosso politico-istituzionali. Dei profughi che lasciano il loro Paese d'origine per scampare agli orrori che li affliggono, e l’alternativa che gli offriamo è un quartiere che versa in condizioni a dir poco più disastrose ma sicuramente in condizioni di abbandono dove la parola d’ordine è SOPRAVVIVENZA e non DIRITTO ALLA VITA.

                       Non ci basta la SOSPENSIONE , vogliamo la REVOCA IMMEDIATA



Oggi: Gaetano conta su di te

Gaetano Cacciottoli ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Giuseppe Pecoraro: Diciamo No alla apertura di una Casa accoglienza per 250 Rifugiati a Settecamini. Vogliamo la REVOCA DEFINITIVA del provvedimento". Unisciti con Gaetano ed 379 sostenitori più oggi.