UN GOVERNO SENZA CUORE

UN GOVERNO SENZA CUORE

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
Veronica Boncompagni ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Mario Draghi (Presidente del Consiglio dei Ministri) e a

Salve a tutti. Sono Veronica Boncompagni, ho 19 anni e vivo in un minuscolo paesino in Umbria in provincia di Perugia. E' ormai da un mese che mi è stata preclusa la possibilità di poter anche solo vedere in viso il mio fidanzato ed i miei amici. Essendo io umbra e loro toscani, non ho il permesso di attraversare il confine che si trova a poco più di 5 min da casa mia. So di non essere nè la prima nè tantomeno l'ultima, come è evidente, a trovare ingiusta e tanto dolorosa questa situazione. Non parlo della impossibilità di 'vivere la movida' o far l'aperitivo il sabato sera di cui i mass media tanto sconsideratamente ci incolpano; come se noi giovani fossimo gli unici a voler festeggiare il weekend dopo una faticosa settimana di lavoro, bah! Sono qui per parlarvi invece di una questione più tenera e delicata, minata terribilmente dalla insensibilità e cecità emotiva del nostro carissimo Governo: L'Amore. Stiamo dirigendoci verso il periodo dell'anno più atteso e caldo di tutti, il Natale. E' il momento che passiamo con le persone a noi più care, scambiandoci doni e dolci parole, un momento di tranquillità e respiro nei confronti della soffocante pandemia che stiamo vivendo. Per non parlare poi dello stress quotidiano provocato dallo studio (nel mio caso) e dagli esami che nel giro di un mese dovrò dare. Ecco, mi dite ora come posso "fare uno sforzo", come il nostro caro Premier dice, se mi si sta precludendo piano piano l'intera mia esistenza e libertà? Per non parlare degli innumerevoli attacchi d'ansia dati dalla forzata solitudine. E tutto questo solo per uno stupido confine disegnato in una carta geografica. Io sono sicura che nel d.P.C.m datato 4 Dicembre 2020 il nostro caro Governo e Premier non permetteranno spostamenti di alcun tipo tra regioni per poter rivedersi con i cosiddetti 'congiunti' (parenti e fidanzati); e anche se lo facessero, sarebbero permessi attraversamenti solo per poter visitare i cosiddetti "affetti stabili conviventi". Seppur io abbia effettivamente una relazione sicura, non ho comunque il diritto come altri di poter essere felice il giorno di Natale, solo perchè non convivo.

Ecco che, popolo di Internet, vi chiedo di leggere le mie parole, pensarci su e aprire il vostro cuore; perchè durante una pandemia globale di tale portata non è importante bensì fondamentale per la nostra salute psico-fisica preservare e tenersi "stretti" (per modo di dire) i nostri amati. Ora più che mai, uniti, indossando sempre una mascherina.

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!