#RICOSTRUIRE. Un Piano per superare l'emergenza Covid-19 e rilanciare l'economia

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.

Ricostruire Italia
Ricostruire Italia ha firmato questa petizione

Più di 40 tra professionisti, imprenditori e accademici hanno predisposto un Piano Operativo per uscire in sicurezza dall’emergenza e ricostruire l’Italia: nasce così RICOSTRUIRE: un appello aperto al contributo di chi vuol mettere le sue competenze al servizio del Paese, in modo indipendente dagli schieramenti politici.

Convivere con il virus facendo ripartire l’economia si può e si deve fare ed è importante reagire tempestivamente ma con responsabilità.

I provvedimenti di Governo e Regioni non sono sufficienti.

La pandemia ha investito l'Italia nel momento della sua massima debolezza istituzionale, con l'economia meno produttiva d'Europa, il debito pubblico più elevato, la burocrazia più invasiva.

Occorre essere pronti alla ricostruzione.

Per l’economia, RICOSTRUIRE significa proteggere le imprese, non solo garantendo la liquidità che serve, ma anche intervenendo sulle norme di bilancio societario e sulle norme concorsuali. Significa attivare manovre che garantiscano maggior produttività, che portino la pressione fiscale sotto il 40 per cento e tornare ad essere attrattivi per gli investitori privati.

Per l’istruzione, RICOSTRUIRE significa organizzare le attività alternative per i ragazzi in modo sistematico e non improvvisato per poi riaprire le scuole. Rilanciare la formazione di ogni ordine e grado.

Per turismo e cultura, RICOSTRUIRE significa promuovere le eccellenze italiane nel mondo, una maxi filiera cultura-turismo-moda-alimentare, e far ripartire in modo efficace il sistema turistico del Paese.

Per il Welfare, RICOSTRUIRE significa abbattere i vincoli burocratici ed eliminare provvedimenti costosi ed improduttivi come Quota 100 e il Reddito di cittadinanza, risparmiando sulla spesa pubblica.

Per l’Innovazione, RICOSTRUIRE significa incentivare le donazioni private, eliminare la frammentazione di strutture e finanziamenti mettendo al centro le Università, rendendo più efficienti i processi di trasferimento tecnologico, accelerando la trasformazione delle TLC e della rete.

Le nostre vite si sono fermate ma non sono finite. Il modo in cui supereremo insieme questa crisi segnerà il successo o il nostro fallimento futuro.

Sul sito www.ricostruireitalia.it la versione integrale del Piano.