NO MONOPOLIO ASI

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.

Rossano Nicoletto
Rossano Nicoletto ha firmato questa petizione

Sono Rossano Nicoletto, presidente nazionale RIVS, Registro Italiano Veicoli Storici.

L’obiettivo della petizione è quello di porre fine al MONOPOLIO ASI che insiste da circa 30 anni nel settore del motorismo storico.

A questo proposito sono stato sentito in audizione presso la Commissione Trasporti della Camera il 27 febbraio 2019.

Da moltissime parti si invoca la necessità di ottenere una legge pluralista nel settore dei Veicoli Storici. Sono 30 anni che resiste questo monopolio e, nonostante moltissimi appassionati scrivano in continuazione ai vari organi amministrativi e istituzionali chiedendone la revisione, non ricevono risposte esaurienti. Specifico che ASI è inadempiente rispetto alle indicazioni del Ministero, che prevedevano l’emanazione di una lista di salvaguardia (cosa che FMI fa puntualmente ogni anno).

Spero vivamente che questo Governo e il Ministero preposto, migliorino il famoso comma 4 dell’Art. 60 del CdS, rendendolo finalmente pluralista.
(Art.60 Comma 4. Rientrano nella categoria dei motoveicoli e autoveicoli di interesse storico e collezionistico tutti quelli di cui risulti l'iscrizione in uno dei seguenti registri: ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI. (1))

Parlo di monopolio e non di oligopolio, perché i tre registri riconosciuti (Fiat, Lancia e Alfa Romeo) sono federati ASI, quindi formano un’unica “famiglia”, mentre FMI certifica esclusivamente moto, ASI certifica qualsiasi veicolo, ragion per cui siamo di fronte ad un monopolio di fatto.

Se volete unirvi alla nostra battaglia per la democrazia, scriveteci una mail, vi gireremo il testo da inviare al Ministero e alla Commissione Trasporti.

Grazie.

Rossano Nicoletto
Presidente Nazionale RIVS
Presidente Regionale Veneto e Consigliere Nazionale ACSI