Ospedali in Calabria

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Maria Carmela Furfaro ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Mario Draghi (Presidente del Consiglio dei Ministri) e a

La verità sulla gestione dell’emergenza Coronavirus in Calabria è emersa in tutta la sua drammaticità nella tarda serata di ieri, Venerdì 6 Novembre, quando su Rai 3 durante il programma di informazione e approfondimento “Titolo V” è andato in onda un servizio dai contenuti clamorosi. Presentato dalla conduttrice Francesca Romana Elisei, che ha illustrato i dati dei ricoveri in Calabria ed evidenziando l’incongruenza tra l’attuale situazione epidemiologica calabrese e la dichiarazione della “zona rossa” stabilita dal Governo Conte, il servizio dell’inviato ha raccolto le testimonianze della Calabria con i malumori delle principali città ma poi ha intervistato il commissario della sanità calabrese, Saverio Cotticelli, nominato proprio dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte due anni fa.

Nell’intervista, dai connotati pittoreschi (Cotticelli chiede alcuni documenti a “Maria“, che gli risponde “la devi finire, tu devi andare preparato“), - CHI è MARIA? il commissario a cui il premier Conte ha affidato la sanità calabrese inizialmente accusa proprio il Governo: “hanno sbagliato, si sono dimenticati che c’erano due Regioni commissariate, la Calabria e il Molise. Hanno dato l’incarico al Presidente della Giunta, e si sono dimenticati che qui c’era il commissariamento“.

Ma ti pare che bisogna anche prepararsi per nascondere gli inciuci e le malefatte? 

SIAMO MESSI PROPRIO MALE!

Poi, incalzato dal giornalista di Rai 3, Cotticelli spiega: “A Giugno mi sono accorto che in Calabria non c’era un piano Covid, e ho fatto un quesito al Ministero. Ho chiesto: chi è che deve fare il piano operativo Covid?“. Il giornalista chiede la risposta e Cotticelli, sfogliando i documenti, come se lo scoprisse in quel momento e quasi cascando dalle nuvole, ammette: “io“. E poi legge, come un bambino che fa mea culpa, la risposta datagli dal Ministero: “Nelle Regioni sottoposte a piano di rientro commissariale, il potere-dovere di predisporre e adottare il programma operativo Covid-19 compete esclusivamente alla struttura commissariale“. L’inviato di Rai 3 chiede a Cotticelli come mai non ha fatto nulla, e il commissario imbarazzato risponde: “Il piano lo sto realizzando e la settimana prossima è pronto“. “Si rende conto che questa è una cosa grave?” chiede il giornalista, Cotticelli resta in silenzio. Poi confida: “Domani mattina io sarò cacciato da qui“.

Intanto proprio due giorni fa, poche ore prima di nominare la Calabria “zona rossa“, il Governo di Conte e Speranza ha prorogato il commissariamento della sanità calabrese per altri due anni, confermando proprio Cotticelli alla guida della sanità calabrese!

Poco dopo la trasmissione, il Presidente facente funzioni della Regione Calabria Nino Spirlì ha pubblicato il video sulla propria pagina facebook.

 

La mia richiesta accorata è che il signor Cotticelli sia indagato per quanto accaduto e sia la magistratura ad accertare le sue colpe e risarcimenti alla comunità Calabrese e Italiana.

Chiedo anche che ENTRO TRENTA GIORNI, E COMUNQUE ENTRO NATALE 2020 IN CALABRIA SIANO APERTI I LAVORI PER.

1) INDIVIDUARE LE ZONE PER LA COSTRUZIONE DI ALMEN0 5 NUOVI PRESIDI OSPEDALIERI (1 PER PROVINCIA)

2) RENDERE AGIBILI QUELLI ESISTENTI

3) ATTUARE IL PIANO COVID

4) ASSUMERE QUANTO PRIMA IL NUMERO MASSIMO DI PERSONALE SANITARIO TRA MEDICI, INFERMIERI, TECNICI DI LABORATORIO, AUSILIARI

I SOLDI CI SONO. QUALCUNO LI HA SOLTANTO MESSI A RIPOSO IN QUALCHE CONTO CORRENTE E DEVONO ESSERE RESTITUITI ALLA COLLETTIVITA'.

 

TRENTA GIORNI SONO PIU' CHE SUFFICIENTI PER FARE QUANTO RICHIESTO.

PER LA DIGNITA' NON CI SONO TEMPI.

Grazie mille

Maria Carmela Furfaro

 

http://www.strettoweb.com/2020/11/calabria-zona-rossa-commissario-cotticelli-rai-3-piano-covid/1085216/

 

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!