NO ai dividendi, SI alla salvaguardia dei lavoratori

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


I lavoratori e le lavoratrici dipendenti di ENAV, con la presente petizione intendono sensibilizzare il CDA affinché venga deliberata la modifica delle proposta di dividendo dello scorso 12.03.2020, pari a 113,2 milioni di euro, in considerazione del significativo cambiamento dello scenario economico globale a seguito del dilagare della pandemia da virus Covid-19. 

Stante la dichiarazione dello Stato di Emergenza Nazionale in conseguenza del rischio sanitario legato alla emergenza internazionale di salute pubblica da diffusione del virus Covid-19 (dpcm del 31.01.2020-G.U. 01.02.2020), nonché delle successive misure restrittive adottate dapprima dal Governo Italiano e successivamente anche dai Governi degli altri Paesi, stiamo assistendo ad una inevitabile crisi del trasporto aereo con perdite nette stimate dalla associazione delle compagnie aeree IATA per il secondo trimestre 2020 pari a 39 miliardi di dollari (10 miliardi solo in Europa). Non sono rassicuranti nemmeno le previsioni IATA per il terzo ed il quarto trimestre del 2020, per i quali è previsto ancora un traffico aereo debole e non equiparabile ai livelli pre-crisi. Una prima ripresa del traffico aereo è prevista da IATA solo nel 2021.

Considerato lo scenario sopra evidenziato, appare scontata la preoccupazione dei lavoratori e delle lavoratrici di ENAV per quanto concerne l'impatto che lo stesso sta  avendo e continuerà ad avere sul bilancio 2020 della Società, a prescindere dai meccanismi adottati di mitigazione del rischio traffico (traffic risk sharing). Per i sopra citati motivi, i lavoratori e le lavoratrici dipendenti di ENAV auspicano che il CDA adotti un approccio prudenziale al fine di confermare la solidità patrimoniale del Gruppo e contenere i futuri impatti economico-finanziari,  a tale scopo chiedono dunque che "il CDA ENAV sospenda la esecuzione della delibera di distribuzione dei dividendi sugli utili 2019, approvata lo scorso 12.03.2020".