Lasciateci ritornare in montagna, con le dovute precauzioni, a vivere la natura

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Richiesta di allentamento delle misure restrittive relative alle attività in montagna

Questa petizione prende spunto da quella proposta da Sergio Enrico ("In Valle d'Aosta vogliamo ritornare, con le dovute precauzioni, all'aria aperta") e da altre  simili che sosteniamo.

Chiediamo che le prossime misure di contenimento dell'epidemia tengano in considerazione la peculiarità dei  territori montani dell’arco Alpino e Appenninico. Questi territori, sono presidiati in molti casi da piccole comunità, abituate alle fatiche e alle restrizioni, al lavoro manuale, al freddo e alla solitudine, ma non a vivere lontani da boschi,  pascoli, e torrenti. Inoltre in molti casi le comunità sono animate da chi,  pur non potendo risiedere in modo permanente, si occupa nel proprio tempo libero, di  tenere puliti i prati e i boschi, vangare gli orti e seminar patate, curare sentieri. Senza questi interventi molte zone  che già soffrono di  fenomeni di marginalità e abbandono e che stavano in alcuni casi faticosamente invertendo la tendenza, torneranno a perdere ogni speranza di ripresa.

Siamo tutti  consapevoli della gravità dell'epidemia in corso, tuttavia crediamo che le misure per contenerla vadano adeguate a un tipo di territorio  come quello montano dove la densità abitativa è bassissima e  molte  attività all’aperto si svolgono in ambiente naturale.

Chi va a camminare nel bosco da solo o con la sua famiglia, chi va a far legna, a coltivare l'orto, chi porta il suo bambino in un prato non può contagiare né essere contagiato da nessuno. Queste attività sono i fondamenti della vita di tutti i montanari, e un bosco è luogo molto più sicuro dal virus rispetto ai supermercati o agli uffici dove ci è concesso andare.

Chiediamo quindi al Presidente del Consiglio Conte che, rispettando le norme sanitarie ed il distanziamento sociale:

1. si  permetta, ai singoli e ai componenti dello stesso nucleo familiare, di effettuare attività motoria all’aperto in contesto naturale anche fuori dal comune di residenza

2.  si consenta, ai proprietari e affittuari di appezzamenti o immobili, le attività agricole o di manutenzione del verde o forestali, anche senza partita IVA ed anche in comuni diversi da quelli di residenza

Grazie per l'attenzione

Associazione Esperienzalpina