La burocrazia è l'humus della corruzione

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Non posso aggiungere nulla alle cronache  che coinvolgono CONSIP, ma sui capitolati posso dire qualcosa: mai e poi mai si avranno contratti onorati, se non si vincoleranno le costruzioni alle manutenzioni, basate sul ciclo di vita del manufatto o finché non si indicherà il monte ore di manodopera da prestare (questo vale soprattutto per le pulizie).

Dal 1890, con Taylor, non si è smesso di studiare l’ottimizzazione della resa lavorativa: da Stoccolma a Palermo si potranno impiegare 10 secondi, anziché 12, per spazzare 1 metro quadro di pavimento, ma mai 2. Potremo sostituire gli uomini con gli automi, ma questi dovranno essere presenti negli uffici e non sulla carta. Logicamente, il tutto si baserà sui controlli, ma almeno sarà impossibile giustificare ribassi di gara che garantiranno l’aggiudicazione dei servizi ma non le prestazioni.

In poche parole, con le leggi giuste si avrebbe una selezione darwiniana degli appaltatori di opere pubbliche, senza affannarsi in compilazioni di modelli che vanno a costituire solo carico di incendio per gli archivi. 

 

A sua eccellenza il Ministro della guerra

 

Abbiamo opere di costruzioni trascinate da anni non mai terminate e che forse terminate non saranno mai

 

Questo succede eccellenza, per la confusione causata dai frequenti ribassi che si apportano alle Vostre opere, poiché va certo che tutte le rotture di contratti così come i mancamenti di parola e il ripetersi degli appalti ad altro non servono che ad attirare quali impresari tutti i miserabili che non sanno dove batter del capo, ed i bricconi e gli ignoranti, facendo al tempo medesimo fuggire da Voi i quali hanno mezzi e la capacità per condurre una impresa.

 

E dirò inoltre che tali ribassi ritardano e rincarano considerevolmente i lavori i quali ognora più scadenti diverranno.

 

E dirò pure che le economie realizzate con tali ribassi e sconti cotanto accanitamente ricercati saranno immaginarie, giacché similmente avviene per un impresario che perde quanto per un individuo che si annoia: si attacca egli a tutto ciò che si può in materia di costruzioni, significa non pagare che forniscono i materiali, compensare malamente i propri operai, imbrogliare quanta più gente si può, avere la manodopera più scadente come quella che a minor prezzo si dona, adoperare i materiali peggiori, trovare cavilli in ogni cosa e spettegolare ora di questo ora di quello.

 

Ecco dunque quanto basta Eccellenza perché vediate l'errore di questo Vostro sistema, abbandonatelo quindi in nome di Dio; ristabilite la fiducia, pagate il giusto prezzo dei lavori, non rifiutate un onesto compenso ad un imprenditore che compie il suo dovere, sarà sempre questo l'affare migliore che Voi potrete fare.

Architetto Sebastian Le Preste

Marchese di Vauban



Oggi: Francesco conta su di te

Francesco Auciello ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Giuseppe Conte: La burocrazia è l'humus della corruzione". Unisciti con Francesco ed 26 sostenitori più oggi.