Diritto di voto ai sedicenni per affrontare le sfide ambientali

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


1.      CHI: I sostenitori della proposta ed i destinatari istituzionali

Gli attori principali sono tutti i cittadini che intendono sostenere la seguente petizione. Solo grazie al vostro appoggio raggiungeremo un numero elevato di firme e potremo far sentire alle istituzioni nazionali l’importanza di adottare rapidamente il seguente provvedimento legislativo.  Per favore, se condividete e riconoscete l’importanza della petizione, firmate e “passate parola”. Un grazie di cuore.

I destinatari finali sono il Presidente del Consiglio, il Presidente della Repubblica, il Presidente del Senato ed il Presidente della Camera dei Deputati.

2.      COSA: La proposta e le principali motivazioni a supporto

Propongo di estendere il diritto di voto alla Camera dei Deputati ai cittadini italiani aventi almeno 16 anni di età perché questo è l’unico modo per sensibilizzare i partiti politici a favore della tutela dell’Ambiente (lotta ai cambiamenti climatici ed all’inquinamento) e allo sviluppo di un’attività economica più eco-sostenibile (plastica e sfruttamento delle risorse che il Pianeta TERRA ci mette a disposizione). Perché estendere il diritto di voto ai sedicenni?

  1. l’Italia ha un tasso di crescita demografico pari a zero. Non ha quindi uno sguardo proiettato al futuro;
  2. la Politica (uso la "P" maiuscola solo in segno di rispetto) persegue obiettivi di brevissimo termine soprattutto a fini elettorali a favore di una fetta della popolazione che tra vent’anni o forse meno non pagherà per i danni irreversibili arrecati al Pianeta TERRA.

La speranza è che i giovani sostengano fortemente le tematiche ambientali, facendo sì che la Politica ne interpreti le aspirazioni e adotti rapidamente provvedimenti concreti ed efficaci. Quindi, i giovani sono la leva ed il motore di questo cambiamento. Sono troppo giovani per capire chi votare? Mettiamoli alla prova. Il percorso per la tutela dell'Ambiente è lungo. Quindi, facciamo questo primo passo. Prima si comincia meglio è.

 

3.      COME: Come realizzare questo progetto

E' la prima volta che si parla di estendere il diritto di voto ai sedicenni?

In realtà, già nel 2011 questa iniziativa era stata oggetto di un disegno di legge costituzionale A.C. 4358 intitolato “la partecipazione dei giovani alla vita della Nazione” (cfr. il link https://leg16.camera.it/522?tema=472&La+partecipazione+dei+giovani+alla+vita+della+Nazione Nel mese di giugno 2011, la Commissione Affari costituzionali della Camera ha iniziato l’esame del disegno di legge. Ad agosto, il progetto del Governo è stato adottato come testo base.  Dal 14 settembre 2011, il disegno di legge è passato all’esame dell’Assemblea della Camera.

Oggi, a distanza di otto anni, sembra che si siano perse le tracce di questa iniziativa legislativa. Questo, secondo quanto pubblicato sul sito della Camera dei Deputati. La petizione si pone quindi l’obiettivo di portare termine il prima possibile l’iter di approvazione.

 

4.      QUANDO: Quando approvare il progetto e prima data di applicazione

L’obiettivo è quello di far approvare questo provvedimento legislativo il prima possibile, in modo che sia applicabile a partire dalle prossime elezioni (comprese).

 

5.      DOVE: Area geografica ricadente nell’ambito della proposta

Ovviamente in Italia. Però sarebbe ancor più significativo, se questa proposta venisse adottata anche in tutti gli altri paesi aderenti all’Unione Europea e del mondo. A proposito, Malta ha già esteso il diritto di voto ai sedicenni già da marzo 2018.

 

6.      PERCHE’: le motivazioni personali alla base di questa proposta

Ho 45 anni e sono fortemente preoccupato per il futuro dei miei nipoti e del Pianeta TERRA che ci ospita e ci accoglie. Questo timore credo sia condiviso anche da molti altri padri, madri, zii e nonni "consapevoli" dell’elevato tasso di inquinamento e del fatto che stiamo prosciugando le risorse a disposizione senza rispetto e lungimiranza a causa di quelle attività economiche industriali attente solo a realizzare profitti immediati.

I primi cambiamenti climatici sono sotto gli occhi di tutti in tutto il pianeta (scioglimento dei ghiacci ai Poli, incendi nelle foreste della Siberia, trombe d’aria sempre più forti e frequenti, ecc). Se non agiamo con tempestività e non arrestiamo l’aumento della temperatura del Pianeta TERRA, temo che di conseguenza si verificheranno effetti gravi e irreversibili dapprima sui territori (desertificazione e carenza d'acqua), successivamente sulle persone (migrazioni di massa) e infine sulle economie di tutti i paesi senza distinzione di stato sociale, razza e religione. Questo processo verrà inoltre ulteriormente esacerbato dal continuo aumento della popolazione mondiale che richiederà un maggior fabbisogno di risorse da estrarre dal Pianeta TERRA che già adesso non riesce a produrre quanto basta. Quale futuro volete dare ai vostri figli e nipoti?

Questa iniziativa è apolitica, è dettata dal buon senso e da una visione di lungo periodo, nella speranza che la Politica (a prescindere dai rispettivi colori) approvi rapidamente l’iniziativa legislativa in oggetto. Nel passato molti partiti politici di diversi schieramenti politici si sono espressi favorevolmente. Bene!!! E' ora di passare ai fatti. Questo è solo il primo passo. Intanto, però comincia sostenere la petizione e a condividerla. Grazie