Basta allo sfruttamento dei lavoratori nelle cooperative

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Ho passato 17 anni a lavorare per diverse cooperative e per tutte è sempre stata la stessa cosa: applicano il ccnl multiservizi ma poi hanno un contratto interno dove ti vengono tolti quasi tutti i diritti del ccnl, mutua, ferie, permessi, festività retribuite, ROL, 14sima ecc. Bisogna tener conto non solo di quello che non viene riconosciuto al lavoratore, che si ritrova senza i diritti, sfruttato con contratti a tempo determinato a 20 ore la settimana ma obbligato a farne 40 (perchè se no non ti rinnovano il contratto) e con i contributi pagati per 20 ore, ma anche quello che in questa maniera non viene riconosciuto allo Stato. Ho visto lavorare per queste cooperative molti italiani ma anche molti stranieri e extracomunitari sfruttati, con paghe orarie da miseria, mandati da un cantiere all'altro senza preavviso e spesso far fare loro due turni consecutivi, ho visto ragazzi morire dopo che avevano fatto due turni consecutivi di 8 ore a causa di un colpo di sonno in autostrada, ho visto lavoratori iscritti ai sindacati per cercare di far rispettare i loro diritti emarginati e trattati come dei diversi. Il problema però non è dovuto solo dalle cooperative ma anche dalle aziende appaltatrici che spesso e volentieri, per spendere poco, prendono accordi tra di loro e lucrano sulla manodopera. La cosa che mi sembra più strana però è che in tutto questo lo Stato non faccia dei controlli perchè come già ho detto prima non è solo il lavoratore a rimetterci ma anche lo Stato stesso. Siamo nel 2017 e invece di andare avanti stiamo tornando indietro di 100 anni!!!

Per questo vi chiedo di aiutarmi a fermare questo sfruttamento perchè siamo delle persone e non dei numeri!

 

 

 



Oggi: Stefano conta su di te

Stefano Curtetto ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Giuliano Poletti: Basta allo sfruttamento dei lavoratori nelle cooperative". Unisciti con Stefano ed 416 sostenitori più oggi.