Riforma legislativa del Sistema 118

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Riteniamo necessario e urgente rivolgere al Ministro della Salute l’appello di varare una riforma legislativa del Sistema 118  che consenta di assicurare pari standard qualitativi del servizio e appositi standard nazionali di medicalizzazione e di infermierizzazione degli equipaggi di soccorso del SET 118. Da semplice cittadino pretendo un 118 con caratteristiche imprescindibili di qualità, omogeneità, efficacia e competenza su tutto il territorio nazionale. È da tempo, infatti, che la rete dell’emergenza-urgenza deve essere messa a sistema a livello nazionale con standard che garantiscano, da nord a sud, unʼadeguata assistenza. Chiediamo di riconoscere il sistema di emergenza-urgenza quale pilastro della sanità con il giusto riconoscimento del ruolo del personale medico costretto ad operare in condizioni difficilissime. In particolare chiediamo al legislatore di concentrarsi sull’insufficienza di personale medico a bordo delle ambulanze, un vero terno al lotto per il cittadino, e la regionalizzazione dei servizi per trasformare il sistema di emergenza-urgenza in un salvagente 'strutturale' utilissimo per il decongestionamento dei Pronto Soccorso e degli ospedali e per garantire al cittadino il diritto di essere soccorso e salvato.

I vettori del depotenziamento sono stati, essenzialmente, tre: la chiusura delle Centrali Operative 118 (CO118), modelli gestionali che hanno sostituito, con costi maggiori, il governo sanitario del Sistema con modalità di governo amministrativo, la mancanza di personale sanitario medico – infermieristico a bordo delle ambulanze. 

Chiediamo quindi il varo di un modello di Sistema 118, uniforme a livello nazionale, di elevata qualità prestazionale che:
- possa continuare a rispondere direttamente ai cittadini italiani in caso di emergenza sanitaria, senza essere soppresso dalla introduzione del 112;
- che sia governato da dirigenti sanitari, medici ed infermieri, esperti di emergenza sanitaria territoriale e non da amministrativi;
- che sia dotato di mezzi di soccorso attrezzati ed in numero sufficiente a raggiungere le scene dei vari eventi di emergenza ed urgenza nel rispetto reale dei tempi previsti dagli attuali standard di legge (8 minuti dalla chiamata in area urbana e 20 in area extraurbana,);
- che sia dotato di organici sanitari medico - infermieristici dedicati, in grado di assicurare a chi si trovi in imminente o potenziale pericolo di vita un intervento di soccorso, nei tempi previsti dalla legge, che renda possibile effettuare diagnosi e terapia di emergenza potenzialmente salvavita;                                                          - che sia sostenuto dell'operato di autisti - soccorritori volontari addestrati e certificati in conformità al migliore stato dell'arte internazionale.

I problemi da risolvere richiedono di mettere mano a errori fatti nel passato con la riduzione delle centrali operative e l’insufficienza di personale medico a bordo delle ambulanze. Tutto questo rende evidente e chiara la necessità che il sistema sia riformato e adeguatamente sostenuto.



Oggi: Alekos-Remo conta su di te

Alekos-Remo Prete ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Giulia Grillo: Riforma legislativa del Sistema 118". Unisciti con Alekos-Remo ed 615 sostenitori più oggi.