Erfolg

Liberate le navi di salvataggio

Diese Petition war mit 55.893 Unterstützer*innen erfolgreich!


DE / EN / ES / IT / NL / PT

#freetheships #freeAlanKurdi #freeAitaMari

Il ministro dei trasporti pubblici italiano sta detenendo le due navi di salvataggio ALAN KURDI e AITA MARI al porto italiano di Palermo. Entrambe le navi di salvataggio hanno recentemente salvato 193 persone prima che affogassero.

Il 5 Maggio la Guardia Costiera italiana ha condotto un’ispezione a bordo della ALAN KURDI e le ha proibito di salpare. Le autorità tedesche si sono opposte decisamente alle considerazioni di sicurezza dei loro colleghi italiani. Una portavoce ha detto: “A parere dell’amministrazione dello stato di bandiera tedesca, le irregolarità stabilite dalle autorità Italiane non incontrano nessuna grave mancanza di sicurezza”.

Il blocco delle navi di soccorso mette a rischio la nostra missione programmata per Giugno e conseguentemente numerose vite umane!

Il 6 Maggio la Guardia Costiera ha sottomesso anche la AITA MARI, della Organisation Salvamento Marítimo Humanitario (SMH) spagnola, ad un controllo e ha quindi bloccato anche questa nave di salvataggio.

Le considerazioni di sicurezza italiane sono per questo particolarmente ridicole, perchè ad Aprile l’Italia ha lasciato a bordo dell’ALAN KURDI, per dodici giorni, 146 persone salvate, fino a che non sono potute essere trasferite in una nave più grande. Le persone salvate a bordo della AITA MARI hanno dovuto aspettare altrettanti giorni per un porto sicuro.

Inoltre, solo le navi di salvataggio civili vengono attaccate così fortemente dall’Italia. La nave mercantile MV MARINA ha salvato ad Aprile altrettanti rifugiati in pericolo di naufragio e ha potuto attraccare ad un porto siciliano già dopo pochi giorni. Al contrario del caso della ALAN KURDI, e della AITA MARI, la nave mercantile ha potuto salpare di nuovo senza controlli e senza quarantena. Questo dimostra che l’Italia blocca sistematicamente le navi di salvataggio civili!

È tempo di terminare le politiche sui porti chiusi iniziate con Salvini. Le forze di salvataggio non devono essere trattenute ma devono essere supportate. Ogni giorno che le navi di salvataggio non possono entrare in azione, moltissime persone rischiano di perdere la vita. L’accordo di Malta, per smistare le persone che vengono salvate dal pericolo di naufragio, deve essere rinnovato velocemente e disposto in modo permanente. Gli stati appartenenti all’Unione Europea, non possono lasciare sole per altro tempo l’Italia e Malta nell’accoglienza di persone rifugiate.

Quindi, noi richiediamo al governo italiano di terminare immediatamente il blocco della ALAN KURDI e della AITA MARI e di supportarci nei nostri lavori umanitari.

Noi esortiamo il ministro federale degli esteri Heiko Maas ad adoperarsi per la liberazione delle navi di salvataggio ALAN KURDI e AITA MARI.

Noi esortiamo espressamente il ministro federale Horst Seehofer a sostenere Malta e Italia, e ad adoperarsi ancora più attivamente per un giusto smistamento, all’interno dell’Unione Europea, delle persone che vengono salvate da pericolo di naufragio.



Heute: Gorden Isler, Lena Meurer, Axel Pasligh, Sophie Weidenhiller verlässt sich auf Sie

Gorden Isler, Lena Meurer, Axel Pasligh, Sophie Weidenhiller benötigt Ihre Hilfe zur Petition „German government: Liberate le navi di salvataggio”. Jetzt machen Sie Gorden Isler, Lena Meurer, Axel Pasligh, Sophie Weidenhiller und 55.892 Unterstützer*innen mit.