CALCIO SKY, DAZN, MEDIASET? I GRANDI GIOCANO CON LE PASSIONI MENTRE IL CONSUMATORE SOFFRE

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Sky trova l'accordo con Perform per poter offrire ai propri abbonati la possibilità di vedere anche le tre partite di A (e tutta la serie B) trasmesse dalla piattaforma Dazn. Ma bisgnerà comunque fare un secondo abbonamento e passare dal satellite allo streaming. A conti fatti, al consumatore costerà ben 60 euro in più rispetto allo scorso anno. Fai sentire la tua voce.

 
Secondo il calendario appena sfornato, manca ormai pochissimo alla prima partita del campionato 2018-2019 (prevista per il 18 agosto); ma siamo certi che il tifoso italiano abbia ben chiaro come potrà vedere le partite dei suoi beniamini in tv? Il pasticcio che la Lega serie A ha creato spacchettando i diritti per trasmettere le partite di campionato in fasce orarie ha creato una situazione paradossale: a differenza dello scorso anno, a oggi, il consumatore non potrà vedere con un unico abbonamento tutte le partite e, soprattutto, dovrà sborsare ben 60 euro in più dello scorso anno. Ma andiamo per ordine.

Sky piglia tutto? Non proprio 
Sulla carta, Sky è la piattaforma che si è aggiudicata il maggior numero di partite di serie A: 7 delle 10 previste per ogni turno. Queste 7 partite si potranno vedere solo su Sky (con un abbonamento al pacchetto Calcio), mentre le restanti 3 (assegnate all'operatore Perform) saranno trasmesse dalla piattaforma in streaming Dazn, al costo di 9,99 euro al mese. Queste stesse 3 partite saranno visibili però anche a chi ha un abbonamento a Mediaset Premium (grazie a un altro accordo fatto con Perform).

Come se ciò non bastasse, a rendere la situazione ancora più confusa, Sky ha recentemente stipulato un accordo con Perform per trasmettere anch'essa le tre partite di campionato di A non incluse nel suo pacchetto (e tutta la serie B). Una visione però che non sarà gratuita per gli abbonati a Sky (sia vecchi sia nuovi): a chi ad esempio è cliente Sky da più di un anno il ticket mensile per vedere queste tre partite ogni mese costerà 7,99 euro.

Dal satellite allo streaming 
Tralasciando il fatto che parliamo di abbonati che fino allo scorso campionato potevano vedere tutte e 10 le partite con il loro pacchetto Calcio, va considerato che quest'anno, oltre a dover pagare di fatto un secondo abbonamento, saranno anche costretti a cambiare modalità di visione. Sì perché, se le 7 partite comprese nel pacchetto Sky Calcio saranno visibili col decoder satellitare, per vedere le altre 3 (e tutta la serie B) occorrerà avere una smart tv (e un buon collegamento internet), scaricare la app di Dazn, registrarsi alla piattaforma di streaming e inserire il tickets acquistato su Sky (con modalità che saranno rivelate nei prossimi giorni). La piattaforma Dazn, infatti, trasmette le partite in streaming: certo, anche in alta qualità ma occorre pur sempre un buon collegamento a internet e un dispositivo che permetta di scaricare la app (se non si ha una smart tv si dovrà vedere le partite su un pc, un tablet o uno smartphone).

Se non si vuole tribolare troppo per passare da un canale satellitare a una app, l'unica soluzione è passare a Sky Q, il nuovo decoder di Sky che a breve integrerà direttamente la app di Dazn e che quindi dovrebbe rendere più agevole la visione anche di queste tre partite. Beninteso che il ticket mensile per vedere queste tre partite dovrà essere acquistato anche con Sky Q e inoltre il passaggio al nuovo decoder non è a costo zero: occorrerà sborsare 21,40 euro al mese (12 euro al mese a chi è cliente da più di 6 anni), più una una-tantum che varia da 199 a 99 euro per il decoder. 

Campionato spezzatino 
A complicare il tutto ci si mette anche il fatto che non è possibile sapere oggi quali saranno tutte le partite trasmesse sulla piattaforma Dazn fino alla fine del campionato. I tifosi di Inter, Milan e Juventus ad esempio sapranno solo con relativo anticipo se i propri beniamini giocheranno ad esempio il posticipo della domenica (visibile nel pacchetto Calcio di Sky) oppure l'anticipo del sabato sera (invece visibile su Dazn). Un campionato spezzatino che Sky ha tentato di riassumere in questo modo:

 

Quali interventi per la tutela dei consumatori? 
In seguito alla decisione della Lega Serie A di privilegiare un bando per prodotti e non per piattaforme, tenuto conto della vendita dei diritti televisivi della Serie A a due operatori, avevamo inviato una lettera a Perform e con Sky per scongiurare il doppio abbonamento. L'accordo tra i due operatori c'è stato, ma a conti fatti ne è venuto fuori un nuovo pasticcioin cui nessuno è ad oggi in grado di tutelare i propri clienti con un'offerta completa che permetta loro di vedere l'intero campionato con un solo abbonamento e su una sola piattaforma. Considerando anche il fatto che questo teatrino costerà a conti fatti ai consumatori molto più dello scorso anno. Un esempio? Un utente Sky, abbonato a Sky Calcio, dovrà pagare in totale 59,99 euro in più dell’anno scorso per vedere tutta la stagione di Serie A completa. E' arrivato il momento di far sentire la voce dei consumatori.



Oggi: Simone conta su di te

Simone Efrati ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "GAETANO MICCICHE Presidente della Serie A: CALCIO SKY, DAZN, MEDIASET? I GRANDI GIOCANO CON LE PASSIONI MENTRE IL CONSUMATORE SOFFRE". Unisciti con Simone ed 11 sostenitori più oggi.