Termine del Sostegno dell’Italia alla Discriminazione dell’ONU di Israele

Termine del Sostegno dell’Italia alla Discriminazione dell’ONU di Israele

0 have signed. Let’s get to 100!


Gentile Ministro degli Esteri, 
 
La esorto nel porre fine al sostegno dell’Italia, all’ONU, di risoluzioni sproporzionate e unilaterali che circoscrivono Israele ad un trattamento differenziato e discriminatorio. 
 
Ogni anno, l'Assemblea Generale, il Consiglio per i diritti umani, la Commissione sulla condizione della donna, l'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'UNESCO denunciano Israele attraverso risoluzioni sproporzionate e unilaterali, trascurando la difficile situazione di milioni di vittime dei diritti umani in tutto il mondo. 
 
All'Assemblea generale del 2018, ad esempio, Israele è stato oggetto di 21 risoluzioni unilaterali, mentre solo una ad Iran, Siria, Corea del Nord, Crimea, Myanmar e Stati Uniti. 
 
Nel contempo, non sono state adottate o introdotte risoluzioni sulla situazione dei diritti umani in Cina, Venezuela, Arabia Saudita, Bielorussia, Cuba, Turchia, Pakistan, Vietnam, Algeria o in altri 175 paesi. 
 
Analogamente, dalla sua fondazione nel 2006, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha adottato più risoluzioni contro Israele che Iran, Siria e Corea del Nord messi insieme; ha convocato sessioni e indagini più urgenti su Israele che su qualsiasi altro paese; e continua a circoscrivere Israele come punto permanente nell'agenda di ogni sessione. 
 
Come dimostra la banca dati di UN Watch, l’Italia vota ogni anno per più del 70% delle risoluzioni anti-Israele adottate dall'Assemblea Generale. 
 
Tutti i governi devono essere ritenuti responsabili della loro situazione dei diritti umani. Tuttavia, la pratica di concentrare l'agenda dell'ONU sui diritti umani in modo sproporzionato su Israele, ignorando le violazioni gravi e sistematiche nel resto del mondo, costituisce un comportamento politicizzato, selettivo, parziale e soggettivo.  
 
Destinando le scarse risorse dell'ONU alla produzione di rapporti unilaterali e politicizzati che prendono di mira Israele, vittime in luoghi come Cina, Pakistan e Zimbabwe vengono ignorate. 
 
Votando a favore di molte di queste risoluzioni anti-israeliane, l’Italia va contro il principio di uguaglianza sancito dalla Carta delle Nazioni Unite e i valori di universalità, imparzialità, obiettività e non selettività enunciati nel documento fondatore del Consiglio dei diritti umani, la risoluzione 60/251 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. 
 
Esorto l’Italia a sostenere i principi fondatori dell'ONU ponendo fine a qualsiasi sostegno all'ONU nel fare di Israele, unico Stato ebraico al mondo, un capro espiatorio. È tempo che l'ONU metta fine al fanatismo e ai pregiudizi e promuova i diritti umani di tutti.

Sinceramente,