Firma per rilanciare il teatro Verdi di Sestri P. rafforzando il decentramento culturale.

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


La situazione del Teatro Cinema Verdi 

.In data 17/3/2004 un contratto tra il Comune di Genova e la Cinema Teatro Verdi - costituita tra le imprese Costruzioni Edili Industriali Spa, ditta Geom. Giuseppe Olivieri e GE.IM. Srl - concedeva la progettazione e l’esecuzione dei lavori di riconversione funzionale, manutenzione e adeguamento normativa del cinema Teatro Verdi di Sestri Ponente nonché la successiva gestione del medesimo;

·con lo stesso atto si assegnava la gestione dello stesso cinema al Concessionario prevedendone l’utilizzo per pubblico spettacolo teatrale e cinematografico, proiezioni, congressi, meeting;

·lo stesso contratto prevedeva che la gestione del teatro avesse inizio alla data di ottenimento dell’agibilità della struttura e che avesse la durata di anni 30;

·in data 12/02/2010 la Grs srl, cioè la società che gestiva il Teatro della Gioventù di via Cesarea, acquisiva le quote della Cinema Teatro Verdi Srl. Un passaggio dopo ampio dibattito politico svolto nell’ottica di rilanciare il più grande teatro del ponente genovese;

· in data 11/09/2018 il direttore del teatro Giunio Lavizzari Cuneo con una lettera in copia al Municipio Medio Ponente, metteva a conoscenza degli Assessori comunali e delle direzioni di competenza, dell’aggravarsi della crisi del teatro anche a causa della recente tragedia del crollo del ponte Morandi. Infatti al rientro dalla pausa estiva, il teatro ha ricevuto parecchie disdette per affitti del teatro già concordati in precedenza, disdette per contratti di locazione degli spazi commerciali e della società di gestione del bar del teatro, a causa della reale o presunta difficoltà a raggiungere il teatro.Inoltre il teatro ha dovuto comunicare il licenziamento al proprio personale dipendente. A fronte di quanto esposto il direttore chiedeva un incontro, nel più breve tempo possibile, onde valutare possibili soluzioni per scongiurare la perdita di uno spazio culturale della nostra città.

·In data 24/10/2018 Il direttore del Teatro comunicava alla testata “Il Secolo XIX” le crescenti difficoltà del teatro e la possibilità di chiusura entro l’anno anche a fronte delle mancate risposte da parte degli Uffici preposti;

Considerato che:

· il Verdi è il secondo teatro di Genova per grandezza di palcoscenico e capienza di posti con uno schermo di 19 metri di schermo, il più grosso presente in città.

·Il cinema teatro Verdi è usato per spettacoli, assemblee, incontri dal nostro territorio in un rapporto di rete con le associazioni locali e con le scuole;

· a Ponente è l’ultimo teatro ormai rimasto;

· il teatro da almeno 5 anni non percepisce alcun contributo regionale  e solo l’Associazione Govi, che ha sede nel teatro, percepisce annualmente un modesto contributo comunale finalizzato alla realizzazione della stagione dialettale e del  “Corso gratuito di teatro in genovese”;

Nella convinzione che questo territorio non possa perdere un’opportunità di incontro e che Il Medio Ponente, per numerica e geografia, abbia bisogno di un suo teatro come luogo per accogliere ogni esigenza culturale dei suoi cittadini.

CHIEDIAMO

Al Sindaco Bucci ed all'assessore alla cultura del Comune di Genova Barbara Grosso, di

-attivarsi presso gli uffici comunali di competenza affinché prestino una maggior attenzione e mettano a disposizione del Teatro degli interventi concreti atti a risolvere le maggiori criticità riscontrate dall’amministrazione societaria per garantire l’equilibrio economico della struttura.


- risolvano il problema della inopinata chiusura del parcheggio antistante il teatro in concomitanza con gli spettacoli serali e nei festivi: ciò sarebbe già utile per aumentare il fatturato della Cinema Teatro Verdi srl e fugare ogni nefasta ipotesi di cessazione dell’attività.

-attivarsi affinché il cinema teatro Verdi sia parte della programmazione culturale della città dove eventi pubblici e non possano svolgersi in maniera “decentrata” in questa nostra policentrica città.



 



Oggi: Circolo Partito Democratico Genova Sestri Ponente conta su di te

Circolo Partito Democratico Genova Sestri Ponente ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Firma per rilanciare il teatro Verdi di Sestri P. rafforzando il decentramento culturale.". Unisciti con Circolo Partito Democratico Genova Sestri Ponente ed 382 sostenitori più oggi.