I WANNA BREATHE, NOT BURN

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


La qualità dell’aria ed i cambiamenti climatici sono strettamente connessi. Il cambiamento climatico influisce sulle condizioni atmosferiche locali, modificando la circolazione delle masse d’aria con conseguente possibile aumento della frequenza di episodi prolungati di aria stagnante che favoriscono l’accumulo di sostanze nocive. Inoltre, la maggior parte delle sostanze che contribuiscono a peggiorare la qualità dell’aria che respiriamo possono perturbare il bilancio energetico del Pianeta, con conseguente alterazione del clima.


L’inquinamento atmosferico ha ormai raggiunto livelli estremamente dannosi per l’ambiente e per la nostra salute.

Davvero vogliamo andare avanti in questa direzione?

Per combattere l’inquinamento atmosferico chiediamo misure strutturali e permanenti che permettano finalmente di uscire dalla logica dell’emergenza. In particolare, crediamo sia necessario intervenire:

- nel campo del riscaldamento domestico, settore che produce larga parte dei PM10 emessi in atmosfera, con consistenti incentivi che stimolino i cittadini a  investire nel miglioramento della resa energetica della propria abitazione

- nel campo della mobilità, attraverso la stesura di norme che spingano i sindaci a realizzare ampie aree a emissioni limitate, anche eventualmente con pagamento di un pedaggio di ingresso per i veicoli più inquinanti, in modo da utilizzare i ricavi così ottenuti per promuovere una diffusione sempre più capillare di mezzi di trasporto urbani a zero emissioni.


Questa petizione è stata redatta dal gruppo di lavoro del Liceo Bertolucci coinvolto nel progetto ERASMUS + "European Students Climate Report" .