No al Parcheggio nel Castello degli Ezzelini!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


"Inutile tenerlo chiuso se non lo si riqualifica" Andrea Zonta, assessore ai Lavori Pubblici, Viabilità, Trasporti, Risorse Umane della Città di Bassano del Grappa

Queste sono le parole apparse sul Giornale di Vicenza di mercoledì 26 giugno 2019, in un articolo dedicato dove la nuova amministrazione Pavan in controtendenza alla precedente amministrazione intende riportare  le auto all'interno del primo nucleo storico della città.

Con l'intento di procedere ad un futuro piano parcheggi, l'Amministrazione intende recuperare per "risolvere i problemi di parcheggio dell'area" 10 posti auto all'interno delle mura duecentesche dedicate a tecnici, ospiti del vicino albergo e 1 residente.

Chiaramente l'idea portata avanti su i media locali dall'Assessore Zonta, segnerebbe una pietra tombale sulla futura valorizzazione dell'area, citata sin dal 998 come luogo di fondazione della Città di Bassano del Grappa.

Dopo la riapertura del Camminamento di Mura, il ritorno di appuntamenti culturali e di intrattenimento nel Corpo di Guardia e nell'attiguo Teatro all'Aperto "Tito Gobbi" tutto ciò porterebbe ad una battuta d'arresto quel procedimento di riappropriazione degli spazi culturali e storici della nostra città da parte di cittadini e turisti.

La sindaca Pavan, avrebbe dichiarato durante uno dei diversi appuntamenti di confronto durante la campagna elettorale che "l'attuale destinazione di quello spazio sarebbe rimasto invariato" deducendo il fatto che non sarebbe ritornato un parcheggio, ma che probabilmente l'idea sarebbe stato valorizzarlo, come d'altronde poteva portare ad intuire lo slogan utilizzato durante l'ultima tornata "si cambia"

Chiediamo con forza, che l'Amministrazione faccia un passo indietro relativamente la scelta compiuta, ed anzi, rilanci come d'altronde dichiarato in campagna elettorale un grande piano di valorizzazione dell'area, luogo tanto caro ai bassanesi quanto fulcro della nostra storia.