Divieto di mutilazioni genitali femminili negli USA

0 hanno firmato. Arriviamo a 150.000.


Il 6 Febbraio è la Giornata internazionale contro le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF). All’inizio di quest’anno una bimba di dodici anni è morta per emorragia in Egitto a causa delle Mutilazioni Genitali Femminili. Quando ho letto la notizia ho tremato: ho pensato alle cose orribili attraverso cui era passato mia sorella quando aveva sette anni. Io e mia sorella siamo entrambi nati e cresciuti in Texas ma quando avevamo 7 anni - durante un viaggio in India - una nostra zia ha preso mia sorella e l’ha costretta a subire le MGF. Mia zia ha fatto questo senza che io lo sapessi e senza il consenso dei nostri genitori. Quel giorno l’infanzia di mia sorella è stata distrutta per sempre.

Noi tutti siamo soliti pensare che le MGF siano un problema ristretto alla sola Africa o al Medio Oriente, tuttavia tutte le ragazze nel mondo possono trovarsi in pericolo: le MGF sono un problema globale che colpisce oltre 200 milioni di ragazze e donne.

Negli Stati Uniti per esempio si stima che siano circa 513.000 le donne che sono state oggetto o che rischino di andare incontro a questa barbara pratica. Mia sorella è una sopravvissuta e chiedo alle persone di tutto il mondo di aiutarci a rendere illegali le Mutilazioni Genitali Femminili negli Stati Uniti a livello federale così da aumentare le tutele per tutte le donne in questo Paese: non voglio che nessuna donna passi quello che ha sofferto mia sorella.

Un giudice statunitense ha annullato il divieto federale contro le MGF nel 2018, lasciando a rischio migliaia di ragazze. Allo stesso modo in cui inviteremmo qualsiasi altra nazione a difendere donne e ragazze, è tempo di fare pressione sugli Stati Uniti affinché si oppongano a questa terribile forma di abuso di minori e chiediamo agli Stati Uniti di istituire un divieto federale sulle MGF. 

Vi chiedo di firmare la mia petizione e condividerla ampiamente.
Grazie di cuore.

#ZTD #endFGM #GenerationEquality