Difendiamo la salute, il Paziente Non è un Numero.

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.


Mai più Malasanità, mai più impuniti  liberi di rovinare altri :  non siamo numeri, non siamo cavie, non siamo bancomat.  Il mio viso è stato deformato e  ho contratto malattie autoimmuni a causa di iniezioni di una sostanza proibita, Non so più chi sono, ho  un'altra faccia che non riconosco, da sana  son diventata  bisognosa di cure continue. Sono rimasta invisibile per 10 anni chiusa nel mio dolore,  finche nel 2015 la mia  storia è stata raccontata    REPORT  nel servizio  "BELLI DA PAURA ". (  su Rai play 1.11.2015)

Il mio è un appello contro ogni abuso in qualsiasi campo della medicina.Mi sono esposta con grande dolore per  evitare altre vittime e  colmare un vuoto legislativo. Ero sana e ho contratto tre patologie autoimmuni : LIpogranulomatosi infiammatoria  da reazione immunitaria da corpo estraneo, artrite reumatoide, fibromiagia . Ho subito un  danno irreparabile alla salute che ha come aggravante  anche un grave danno estetico. Dal  2006 vivo un calvario senza fine,  ho già subito più di 60 interventi per poter parlare e vedere.  Su Google trovate la mia storia.

Articolo sul  Corriere della sera https://www.corriere.it/cronache/17_marzo_09/paziente-sfregiata-silicone-prescrizione-il-medico-video-mirella-serattini-bb1f2d9c-0455-11e7-9858-d74470e8bbec.shtml

La salute è un bene labile, garantito dall'art 32 della Costituzione, ma viene messa rischio da chi ci usa ora come bancomat-come nel mio caso- ora come terreno di prova. Contano di farla franca per i tempi lunghi e  le maglie larghe della giustizia fino a ottenere la prescrizione del reato, senza mai rischiare il patrimonio personale. Per impedire il crescere di atti illeciti è necessario che cambino le norme e aumentino le tutele. A DIFESA DELLA SALUTE PUBBLICA CHIEDO  :

PROCESSI RAPIDI    i processi per reati  o danni contro la salute vadano per direttissima, sia nel civile che nel penale,  le sanzioni contro i colpevoli siano immediate senza bisogno di arrivare a un decesso.

MINISTERO DELLA SALUTE CON PIU' POTERI  chi usa sostanze proibite, protesi che sa difettose e  crea danni ai pazienti per maggior lucro, deve essere inibito  dalla professione medica da parte del Ministero della Salute ed escluso da pubblici uffici e da impieghi in aziende private che operano in convenzione col sistema sanitario

GARANZIA DELLE MIGLIORI CURE il medico che opera nel privato  e n libera professione nel pubblico deve disporre di una assicurazione atta a garantire le migliori cure all'eventuale danneggiato, cure non sempre presenti nel sistema sanitario.


GIUDICE PENALE il giudice penale  deve avere la facoltà di  poter aumentare la pena in appello quando ne sussistano i requisiti.

Come possiamo fidarci dei camici bianchi se come cittadini non veniamo tutelati dall'ordine dei medici ?
Firmate e condividete  per rivendicare il diritto fondamentale a vivere in piena salute. Grazie 

Mirella

 

Per  chi vuole approfondire  Sono Mirella, ero addetta stampa in una azienda. Nel 2006 un'amica mi raccomandò  un medico. Per essere certa della sua competenza chiesi informazioni all'ordine dei medici di Bologna e fui indotta a credere che poteva essere specializzato in chirurgia plastica ,anche se non aveva depositato l'attestato. Mi fidai. Volevo distendere lievemente le pieghe nasolabiali e il labbro superiore Da decenni milioni di persone facevano punturine di acido ialuronico, sostanza naturale e temporanea che  dopo 3/4 mesi circa scompare. Il medico mi disse che  da 20 anni  usava un prodotto a  base di acido ialuronico e aggiunse che per un risultato naturale no doveva intervenire solo nei due punti da me chiesti, ma fare un “ puntino “ in tutto il volto. A distanza di qualche mese cominciai ad avere nel viso dei duri granellini tipo riso. Il dott Stefano Stracciari per 6 mesi circa, mentre da una parte mi iniettava cortisone per sciogliere i granulomi, dall’altra continuava a iniettarmi dell’altro materiale che poi scoprii essere olio di silicone del peggiore. Pagavo ogni volta. La situazione peggiorava, i granellini divennero come nocciole e poi nel luglio 2006 mi comparve una protuberanza grande come un mandarino sulla guancia sinistra e infine un corno in mezzo alla fronte nel settembre 2006.

Ho denunciato nel 2007 e nel 2011 è arrivata la sentenza penale di primo grado:  il Dott Stefano Stracciari  è stato condannato a 14 mesi  per lesioni gravissime colpose. Il silicone per usi iniettivi è vietato dal 1993, può causare infezioni e migrare in tutte le aree del corpo legandosi ai tessuti senza possibilità di rimozione.Non sono l'unica lo stesso medico generico che si finge chirurgo plastico  ha rovinato molte persone  prima di me. Nonostante denunce e segnalazioni ha potuto  continuare imperterrito. In quello "studio" un altro medico generico, una giovane donna, assisteva alla mia rovina, ma non è intervenuta, non  ha detto la verità nel processo penale ed è rimasta due anni in un luogo in cui si usava silicone senza capire ???  Ora fa il medico estetico nel privato dove si può fare tutto tranne anestesia e radiologia.

IL silicone che circola nel corpo crea malattie autoimmuni, è noto dal 1964, è uno degli adiuvanti che provoca la sindrome autoimmune A.S.I.A. riconosciuta dalla comunità scientifica interazionale nel 2011.

Purtroppo il ctu nominato dal tribunale impianta anche protesi al seno in silicone e ha ridotto  a solo danno estetico il mio grave danno irreversibile alla salute, cosi si è “limitata“ la gravità del  reato. Il reo, Libero di continuare i suoi metodi, ha potuto occultare i suoi beni. Per ottenere giustizia sono stata costretta  a fare appello, ma è stato incaricato lo stesso CTU che di nuovo  non ha voluto riconoscere il grave danno immunitario, favorendo ancora  il medico colpevole che non vede mai intaccati i suoi beni ed averi.

Per colmo il mio avvocato è stato dalla parte die più forte invece che dalla mia e quindi omettendo atti ha favorito i colpevoli della mia  rovina e permesso che al reo fosse regalata la prescrizione.  Solo da Report ho saputo dell'appello. Cinque anni senza alcun giudice assegnatario e alcuna udienza e non credo sia un caso.. In Francia  la prescrizione si blocca all'inizio  del processo, Noi siamo un caso anomalo e unico :.Impunità ai colpevoli e bastonate alle vittime.

 L'ordine dei  medici di Bologna incurante di  plurimi  esposti di più persone per danni da olio di silicone creati in  diversi anni, non risulta abbia inflitto sanzioni al dott Stefano Stracciari nonostante l'aver procurato danni alla salute dei pazienti con uso di sostanze illecite, con tecnica errata, mancanza di consenso informato, una  precedente condanna penale per abuso di professione medica, il non rispettare le ordinanze di chiusura disposte da AUSL e poi dai NAS, non rilasciare sempre fatture, fare trattamenti cruenti in un locale inadeguato e da solo.

Come possiamo fidarci dei camici bianchi se come cittadini non veniamo tutelati dall'ordine dei medici ?
 Continuate a  sostenerMI, continuiamo a sostenerCI per rivendicare il diritto fondamentale a vivere in piena salute.

Grazie 

Mirella

 

 

 



Oggi: Mirella conta su di te

Mirella Serattini ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Difendiamo la salute, il Paziente Non è Un Numero". Unisciti con Mirella ed 6.523 sostenitori più oggi.