Più Gintama per YouTube Italia!

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Gintama, non è solo un opera comica.

È molto di più! Gintama rappresenta uno stile di vita! Gintama è quel Battle Shonen che merita di essere apprezzata! Non solo per le gag o i riferimenti (sempre geniali, unici a farli) ! Ma anche per la psicologia dei personaggi! I motivi che lo spingono ad agire! Le saghe che sono una piu bella dell'altra! Poi con un protagonista degno di essere ricordato (presa da una mia mini recensioe: Gintoki  è un  protagonista insolito, di età decisamente più avanzata rispetto ai suoi colleghi - fa l'occhiolino a Ryo Saeba -, è un personaggio fuori dal comune, di un eccentrismo e di un egocentrismo sconfinati. Il suo vero potere non è il solito attribuito agli eroi di Jump. Anche lui è iperdotato, è vero, ma le sue vere qualità solo esclusivamente emotive e morali. L'unica occasione che gli si presenta di effettuare uno di quei power-up tanto comuni per i suoi suoi predecessori e contemporanei Shonen, lui la manda letteralmente affanbagno - povera Zangetsu, rifiutata così! - per rimanere legato alla sua quotidianità.
Tutti, come lui, dovremmo aprire occhi, bocca, orecchie e abbassare la spada quando è giusto farlo. Perché Gintoki sa che le grandi battaglie sono per i burattini, che il passato è passato e che la politica è per burocrati senz'anima - lui, quell'anima che gli attraversa i genitali, vuole proteggerla a tutti i costi e non oserebbe mai rischiare di distruggerla per una battaglia inutile, specialmente se già persa. Persa, perché importante è anche saper perdere. Gintoki perde innumerevoli volte e si rialza ogni volta solo ed esclusivamente per poter vedere, una volta riaperti gli occhi, il mondo che gli è tanto caro.
Ecco. Un altra - e forse la più importante - delle caratteristiche di Gintama è quella di essere ambientato in una società ideale.

Fatta di dolore e corruzione, certo, ma anche di persone, multicolori e splendide.
Non mi riferisco agli alieni, ma alla popolazione di Kabuki-cho, qui ritratta senza pregiudizi o razzismi di sorta. Barboni, disoccupati, venditori ambulanti, ladri, prostitute, assassini, vecchie "mummie", vedove, travestiti, host e persino donne in senso stretto sono rappresentati come dovrebbero essere visti: come persone comuni, dello stesso livello dello spettatore, ma dotate di un'incredibile dignità, forza di volontà e voglia di vivere.
Hideaki Sorachi è un genio incompreso: è riuscito a realizzare, negli archi narrativi della trama orizzontale, storie di una commozione intensissima - trattando temi importantissimi attraverso simboli e metafore ben costruite - e, in molti episodi autoconclusivi, i migliori racconti familiari e storie d'amore still better than Twilight. O Hakuoki. Chi l'ha visto capirà a cosa mi riferisco.
A proposito di Shinsengumi, che mi capita provvidenzialmente in mente, è doveroso parlare della componente storica. Forse la scelta più coraggiosa di Sorachi è stata proprio questa.

Come è ben noto, Gintama è ambientato in una Edo molto avanzata dove lo Shogunato è ancora in piedi e il periodo Meiji non è mai arrivato. Chi sa qualcosa di storia giapponese potrà capire lo sgomento che ho provato di fronte al primo episodio, quando mi sono vista proiettata in un Giappone che, sì, ha "aperto le gambe", ma i "barbari invasori" sono gli alieni e non quei simpaticoni degli americani.
Avete la minima idea di cosa abbia significato e significhi, per i Giapponesi, il "trauma Perry" - l'hanno avuto in bocca per tutta la durata della Seconda Guerra Mondiale -? Di quanto sia stato sconcertante e devastante vedere il loro imperatore in ginocchio e costretto a tradire firmando dei Trattati, letteralmente, Ineguali? O vedere distrutto il mostro sacro che era lo Shogunato, in Gintama corrotto fino al midollo - ad eccezione, a quanto pare, dello stesso Shogun, più "normale" che mai e soggetto alle migliori "torture quotidiane" -? E pensare che l'unico personaggio di Gintama che sembra essere calato in questa specifica ottica, Takasugi Shinsuke, è il badass! Così come lo Shogunato, inoltre, anche la Shinsengumi - rivediamo persino la famosa "rivolta" - e i movimenti di Katsura e Shinsuke rinascono qui a nuova vita… Per essere presi per i fondelli dall'inizio alla fine. Personaggi realmente esistiti subiscono il suddetto rovesciamento, ed eroi nazionali riescono a diventare maniaci, individui grotteschi che hanno come unico scopo aumentare di grado, ingozzarsi di maionese, curarsi le emorroidi o praticare stolking.
La reale prerogativa di Gintama - anime MILITANTE oltre ogni limite - non è quella di prendere in giro tutti - o almeno, non solo quella -, ma quella più che coraggiosa di prendere in giro l'identità stessa del Giappone. E il suo vero scopo è quello di insegnare allo spettatore a non prendersi troppo sul serio)

Poi vbb ragazzi, stiamo parlando di un opera che è uno tra i capostipiti dello Shonen Jump degli anni 2000, e ancora oggi si fa sentire.

(Tramite Live Action, Videogiochi, classifiche di popolarità ecc)

A differenza di molti manga/anime che dopo aver superato i 30/40 volumi, cominciano a dominuire di qualità, Gintama riesce non solo a mantenersi, ma soprattutto riesce a migliorare, con alle spalle più di ben 60 volumi! Grazie ovviamente a quel genio di Sorachi!

Quindi vi prego di dare una chance a quest'opera che merita, tanto ma tanto.

Facciamo il modo che questa magnifica opera vada nelle mani degli Youtuber Italiani piu famosi nel campo degli anime e manga per far sì che l'opera in questione gli venga dedicato un video.

(Chiedo scusa per qualche errore di ortografia) 



Oggi: Andrea conta su di te

Andrea Raffaele ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Dario Moccia, Sommobuta, Anime Manga Ita, : Più Gintama per YouTube Italia!". Unisciti con Andrea ed 10 sostenitori più oggi.