CONTE PER L'ITALIA

0 hanno firmato. Arriviamo a 15.000.


Vista la petizione di Confindustria Udine che vorrebbe proporre Mario Draghi al posto del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, chiedo a tutti i cittadini di firmare questa contropetizione per far sentire la nostra vicinanza al nostro Presidente del Consiglio, Conte.

Sopratutto in un momento così delicato, dove un grandissimo Conte sta lavorando al meglio per il bene del paese ritengo inopportuno e sbagliato proporre altre persone.

Firmiamo in massa, facciamo sentire tutti la nostra vicinanza a uno dei migliore Presidenti del Consiglio di sempre!

AGIAMO SUBITO E FIRMIAMO TUTTI!

Di seguito la lettera che verrà inviata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed in copia al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte:

Gentilissimo Presidente Mattarella,

Siamo un gruppo di cittadini italiani che si sono ritrovati a commentare gli eventi che l’epidemia di Covid-19 ci ha costretto a vivere in questi ultimi mesi e siamo accomunati da un particolare senso del dovere nel rispettare ciò che, non solo I vari decreti ci chiedono di fare, ma anche la nostra responsabilità e il nostro senso civico. Vedere scene alla tv di ospedali sommersi dal dolore, di comunità dilaniate da chi neanche vediamo, vedere I camion dell’esercito pieni di bare, vedere tante persone prodigarsi e dare anche la propria vita per il bene comune e vivere tutti I giorni con la paura e la preoccupazione per la nostra salute e quella dei nostri cari, ci sta scuotendo le coscienze e l’animo.

Le scriviamo per renderla partecipe dei nostri pensieri e preoccupazioni.
La nostra amata Nazione, come tutto il mondo attraversa un momento davvero preoccupante sia sotto il profilo sanitario che economico, ma per noi Italiani anche politico.
Le ultime vicissitudini tra il Governo e le opposizioni ci spingono a doverci rivolgere a Lei in qualità di garante della Nostra Costituzione e della nostra unità nazionale.
Proprio il senso di unità nazionale maggiormente sviluppato in questi ultimi mesi, dove ognuno di noi si è riscoperto cittadino , quel cittadino che spesso dimentichiamo tra la frettolosità di tutti I giorni e le mille preoccupazioni, ci spinge ora ad analizzare, scrutare e comprendere avvenimenti politici che finora distrattamente sottovalutavamo.
Noi tutti siamo convinti che il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte stia facendo del suo meglio per trainare la nostra Patria fuori da questo brutto momento, nel miglior modo possibile, con il minor danno possibile e con un occhio attento a tutto e tutti. Abbiamo imparato ad apprezzare la dedizione, l’impegno, l’intelligenza e la responsabilità di un uomo che senza volere si è ritrovato addosso tutto il peso di un’emergenza su tutti I fronti. Ma abbiamo apprezzato in lui anche tanta umiltà e coraggio e tanto rispetto per le istituzioni, nazionali ed internazionali.
Proprio quest’ultimo punto è quello che ci spinge a scriverle, viste le più recenti accuse addebitategli dalle opposizioni e di una certa parte che vorrebbe sostituirlo con Mario Draghi. La nostra fiducia nel Presidente Conte e nella sua lucidità e lungimiranza non sono vacillate nemmeno un attimo, perché prima che il Presidente del consiglio, il Signor Conte rimane per noi un Cittadino, non esente da errori e proprio il suo riconoscersi tale lo rende infinitamente umano, quell’umanità che purtroppo non vedevamo più da un bel pezzo tra chi politicamente ci rappresenta da decenni.
Diffondere una notizia che sia stato firmato un trattato in seno al consiglio Europeo ha fatto solo del male al nostro amato Paese. Molti di noi, privati dell’affetto dei propri cari lontani, privati della libertà che tanto amiamo, privati del nostro lavoro che ci da sostentamento e speranza, al leggere informazioni di una cotale risonanza per il nostro futuro, ha visto uno tzunami travolgerci, per poi scoprire che era una notizia falsa e diffusa dall’opposizione. E allora ci chiediamo se dobbiamo essere ancora presi in giro per tanto da questi soggetti oppure abbiamo il diritto come cittadini di essere rappresentati da gente seria e responsabile, che faccia I nostri interessi visto che il loro stipendio come quello di tutti I rappresentanti delle istituzioni viene pagato con I nostri soldi, I soldi di chi non ha più da mangiare Signor Presidente.

Perché se le azioni di ognuno di noi hanno delle conseguenze sull’intera comunità, soprattutto in questo momento storico, tanto più sono pesanti le azioni di ogni nostro rappresentante che rende vano ogni sforzo, ogni tentativo che chi come il Presidente Conte compie per portare all’Europa e al mondo intero l’immagine di un’Italia UNITA e forte per cercare di ottenere aiuti in qualsiasi campo.
Siamo qui a chiederle di intervenire in questa situazione tanto delicata quanto scabrosa, cercando di mettere un punto ben definito al compito di ognuno, perché davvero noi cittadini italiani siamo stanchi di tanta cattiveria e mancanza di rispetto.
Certi e lieti di un suo pronto intervento e grati per l’attenzione che abbia voluto dedicarci leggendo queste righe, Le porgiamo I nostri distinti saluti

Una parte del Popolo Italiano