Stop al trasferimento oscurantista e culturofobo della direttrice della Biblioteca di Todi

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


La direttrice della Biblioteca di Todi, Fabiola Bernardini, è una eccellente professionista, ama il suo lavoro e lo fa in modo eccellente. La conosciamo bene e abbiamo lavorato con lei. Bernardini fa così bene il suo lavoro da dare fastidio. E’ laureata in Lettere ed ha due specializzazioni: una in Archivistica e l’altra in Biblioteconomia. Nonostante gli eccellenti risultati da lei ottenuti riassumibili in 13mila tessere della biblioteca locale su 18mila residenti, la giunta di destra  propone a Bernardini di lasciare il settore cultura, turismo e sport per spostarsi all’Urbanistica, così che la sua preparazione umanistica giochi in casa [sic]. Nel novembre 2017 le era stato ordinato di secretare [far sparire, in soldoni] i libri su tematiche come l’omosessualità e l’omofobia e le differenze di genere. Lei si rifiuta e li lascia dove stanno. In biblioteca. Che è il loro posto. La Giunta di destra di Todi decide, col vigoroso supporto di Casa Pound e utilizzando criteri fissati dall’anticorruzione, di far ruotare 22 impiegati su 100. La normativa è prevista solo per i dirigenti apicali, ma quelli rimangono tutti al loro posto. La Giunta di destra di Todi fa ruotare gli impiegati semplici. In sfregio alla norma. Tra loro la direttrice della Biblioteca di Todi. Questa è un'ingiustizia ed è un progetto oscurantista, medievale, omofobo, contro le donne, contro le differenze e contro la parità di diritti. Va fermata. Fermiamola per favore. Fermiamola per giustizia e senza essere offensivi nei commenti. Basta firmare.

Per favore firmate e fate firmare. E fate girare. Grazie



Oggi: Gaiaitalia.com Notizie conta su di te

Gaiaitalia.com Notizie politicamente scorretti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Comune di Todi: Fermare subito il trasferimento arbitrario della direttrice della Biblioteca di Todi". Unisciti con Gaiaitalia.com Notizie ed 37 sostenitori più oggi.