Proteggiamo Castelluccio autentico! / Protect authentic Castelluccio!

0 have signed. Let’s get to 200!


Amici italiani (and Friends all over the world please read the English version below):

Castelluccio di Norcia, quel piccolo gioiello che vedete in foto, proprio ai piedi di Sua Maestà il Monte Vettore. Avrete passeggiato all’ombra dei suoi vicoli di pietra, avrete mangiato le sue lenticchie, lo avrete sorvolato in deltaplano o parapendio, avrete cavalcato i suoi splendidi stalloni nell’immensità del Pian Grande, avrete ammirato le sue leggendarie “fiorite” o semplicemente avrete organizzato pic-nic all’ombra della quercia di San Lorenzo. Castelluccio ha offerto qualcosa di speciale ad ogni suo visitatore o abitante... finché non è arrivato il terremoto del 2016 che, tragicamente, lo ha quasi completamente distrutto… QUASI. Da allora è “zona rossa”. Inaccessibile. Che tristezza saperlo ancora così gravemente ferito. Ma la tristezza più grande è contare i giorni di inerzia e indifferenza di chi, di quelle ferite, potrebbe e dovrebbe prendersi cura. Più di un anno e mezzo è passato da quel terribile giorno e non è stato rimosso neanche un sasso. Nei vicoli le macerie coprono ancora i portoni delle case appena ricostruite e miracolosamente rimaste in piedi. Il cuore di Castelluccio giace dimenticato e abbandonato al suo destino. FINO A POCHI GIORNI FA.

Tutt’ad un tratto, in questi giorni, un altro terremoto: all’improvviso, dopo tanto silenzio, piovono ordinanze di demolizione a raffica, addirittura comunicate solo in rete. Tutto troppo in fretta, quasi all’insaputa dei paesani, tecnologicamente indifesi. Sembra quasi che, invece di tentare di salvare le poche strutture sopravvissute, testimoni di un passato laborioso, autentico, danneggiato sì, ma recuperabile, sia più semplice buttare giù tutto, distruggere case e memorie e, forse, sostituire tutto con strutture in legno economiche e di vita breve. Che succede? Perché quest’improvvisa frenesia di stracciare radici, seppellire speranze, zittire proteste e mettere tutti davanti al fatto compiuto?

Aiutatemi a fermare questa follia! Castelluccio merita di essere curato e tutelato prima di essere seppellito! E deve conservare il suo fascino antico, fatto della forte e splendida pietra bianca locale! Insieme possiamo riuscire!

Friends all over the world:

Castelluccio di Norcia, the charming little village you see in the picture, right in front of Its Majesty the Monte Vettore. You may have strolled in the shade of its stone alleys, eaten its lentils, flown over it hang- or paragliding-style, ridden beautiful stallions through the vastness of the Pian Grande, admired its legendary flower blooms, or you may have simply had picnics at the shadow of the oak tree in San Lorenzo. Castelluccio offered something special to any of its visitors or villagers… that is until the earthquake in 2016 tragically knocked it down almost completely… ALMOST. Since then, it’s been declared “red zone:” inaccessible. Sadly, Castelluccio is still severely hurt, but summing up the days of inertia and indifference by those who could and should heal those wounds is even sadder. Over a year and half has passed since that terrible day, and not a stone has been turned. Ruins still pile up to the point that they cover doors of homes that, just rebuilt, are still quite miraculously standing. The heart of Castelluccio lies forgotten and abandoned to its destiny. UNTIL A FEW DAYS AGO.

All of a sudden, in the past few days, a new, different quake: after so much apathy, administrative orders of demolition are falling like rain, and are only posted online, so some interested parties who may not have access to the Internet are even left in the dark, defenseless. It looks as though, instead of saving the few structures left, witnesses to a strenuous, authentic past, damaged but fixable, it were easier to tear everything down, destroy homes and memories, and perhaps replace it all with cheap and short-lived wooden structures. What is the matter? Why the sudden haste in ripping up roots, burying hopes, hushing protests, and presenting everyone with the fait accompli?

Please help me stop this non-sense! Castelluccio deserves to be protected and healed before being buried, and its ancient charm, made of strong and steady local white stone, should be preserved! Together we can make a change!



Today: L is counting on you

L B needs your help with “Comune di Norcia: Proteggiamo Castelluccio autentico! / Protect authentic Castelluccio!”. Join L and 153 supporters today.