Nuovo Sgambamento parco Giovanni XXIII

Nuovo Sgambamento parco Giovanni XXIII

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Roberto Mangione ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Comune di Budrio

Alla c.a. del SINDACO Maurizio Mazzanti
Spett.le
COMUNE DI BUDRIO
ASSESSORATO ALL’AMBIENTE
Piazza Filopanti, 11
C.A.P. 40054 – BUDRIO
Spett.le
COMUNE DI BUDRIO
URP – Ufficio Relazioni con il Pubblico
e p.c. POLIZIA MUNICIPALE


Oggetto: Istituzione di una nuova area attrezzata recintata per cani, per lo sgambamento e per l’espletamento dei bisogni fisiologici posizionata nel Parco Giovanni XXIII


SI CHIEDE CON PETIZIONE POPOLARE ai sensi dell’ART. 50 della Costituzione
All’Ill.mo Sindaco Maurizio Mazzanti, all’Assessore all’Ambiente competente, all’Assessore Delegato alla tutela degli animali del territorio di includere nell’ordine del giorno della prima seduta utile del Consiglio Comunale la richiesta in oggetto; adeguamento del Regolamento Comunale sul possesso e tutela degli animali entrato in vigore l’1 giugno 2013 alle disposizioni del T.a.r. del Lazio con la sentenza n. 09302/2015 e del T.a.r. della Toscana con la sentenza n. 1276/2016”.
Con questa raccolta firme si richiede di dar seguito alle numerose richieste dei proprietari di cani e dei residenti. I sottoelencati cittadini, promotori e firmatari della presente, chiedono al Sig. Sindaco, al Consiglio Comunale ed agli Assessori competenti un’area verde attrezzata, indicata con la dicitura "AREA SGAMBAMENTO" e relativi regole di comportamento affissi, in modo che possano esserci zone che favoriscano la socializzazione degli animali e zone che favoriscano il loro addestramento da parte dei proprietari in sicurezza e con tranquillità degli altri cittadini e degli altri cani. Nelle nostre aspettative c’è quella di poter utilizzare quest’area in compagnia dei nostri animali in uno spazio sufficientemente ampio da consentire di lasciar liberi gli animali senza disturbare o intimorire chi ha diffidenza o paura dei cani. Il tutto con i dovuti cartelli regolamentari di riferimento
Noi vorremmo che l’area sia un posto sicuro dove portare i cani non solo per le loro necessità fisiologiche. Partendo dal presupposto che se vige la regola del cane al guinzaglio questa vada rispettata è pur vero che questi poveri cani da qualche parte dovranno pur poter correre e sfogarsi, del resto una vita al guinzaglio è proprio quella che maggiormente predispone i cani all’aggressività: i soggetti che non hanno modo di socializzare (cosa che NON si può certo fare al guinzaglio) né di dar sfogo alle proprie energie sono quasi immancabilmente destinati a diventare nervosi, irritabili e come tali potenzialmente pericolosi. Inoltre favorirebbe la pulizia delle strade da escremmenti rilascciati in giro in paese.
Abbiamo osservato che l'area più idonea e comoda sopratutto ai proprietari dei cani più anziania, potrebbe essere all'interno dell’area parco pubblico “Giovanni XXIII”, precisamente nella zona retrostante ll“GREEN PARK”, area verde sufficientemente ampia per l’organizzazione e divisione degli spazi. In alternativa ci sarebbe lo spiazzale adiacente il campo sportivo in sintetico lato via PARTENGO.
Approfittiamo inoltre della presente per richiedere una maggior cura nella gestione del verde pubblico nell’area di sgambamento già esistente nei pressi della stazione ferroviaria di via C.Battisti, allo stato attuale ,un po’ in abbandono.
Ci rendiamo disponibili ad organizzarci ed a costituirci parte interlocutrice e fattivamente attiva con l’Amministrazione Comunale per l’attuazione del progetto.
Confidiamo di ricevere adeguata attenzione per l’idea che anima questa nostra proposta unitamente ad una raccolta di firme di sostenitori della stessa e restiamo in attesa di ricevere Vs. comunicazioni in merito. Le prime 8 firme del presente foglio appartengono ai promotori della proposta.
Distinti Saluti

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!