Liberi di chiudere i negozi quando vogliamo.

Liberi di chiudere i negozi quando vogliamo.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
Martina Brunetta ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Commissione Finanze della Camera e a

Il commercio, inteso come libera impresa é morto.

Con l’entrata in vigore dello scontrino elettronico e dei corrispettivi telematici inviati direttamente alle Agenzia delle entrate da Giugno sarà obbligatorio comunicare le chiusure settimanali ed eventuali chiusure straordinarie (quali ferie o per assurdo malattie improvvise).

Bisogna insomma pattuire con il “potere pubblico” quando chiudere; più banalmente quando farsi una vacanza o quando, a causa di problemi di salute siamo costretti a tenere le serrande abbassate.

La mancata comunicazione delle chiusure, ovviamente, comporterà una sanzione, una multa.... 
Multa che sottolinea ancora una volta la mancanza di libertà di un libero professionista in questo povero Paese sommerso da una burocrazia esagerata.

È libertà questa? 
È realmente necessario mettere così alla stretta i commercianti per sanare l’evasione fiscale del Paese?

 

Con questa petizione chiediamo la modifica della Legge di Bilancio 2020 (legge n.160 del 27/12/2019) per quanto riguarda la comunicazione delle chiusure degli esercizi commerciali.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!