VOGLIO SAPERE COME STA VOVA

VOGLIO SAPERE COME STA VOVA

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!

fabio selini ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Elena Bonetti (Ministro della Famiglia e delle Pari opportunità) e a

Sono trascorsi 8 anni da quando 20 famiglie italiane si sono recate in Kirghizistan per Adottare 21 bambini kirghisi.

Nel giugno 2012 sono volate a Bishkek, hanno incontrato i bambini e iniziato un percorso che doveva condurre alla creazione di una nuova famiglia.

Una famiglia che accoglie un figlio e un bambino che accoglie una famiglia. Adozione, il diritto universale di un bambino ad avere una famiglia.

Dopo aver trascorso una settimana in Kirghizistan, aver incontrato i bambini e svolte le necessarie pratiche, le famiglie sono tornate in Italia in attesa di ritornare a Bishkek, a sentenze di Adozione stabilite, e finalmente portate i bambini in Italia.

Purtroppo nel mese di luglio 2012 è esploso nel Paese asiatico un terribile scandalo delle Adozioni che investito in pieno le famiglie italiane, l'Ente autorizzato e i Referenti locali.

Col tempo si è scoperto che nulla era in regola (le famiglie ne erano ovviamente ignare) e che soprattutto, i bambini non erano di fatto adottabili.

Nessun bambino kirghiso è mai (mai!) giunto in Italia.

Famiglie e bambini preda di una gigantesca truffa internazionale.

Ma se questo è già di per sé inaccettabile, il vero dramma è il fatto che dei bambini coinvolti (usati come merce) le famiglie italiane non hanno saputo più nulla.

Più nulla!

Nonostante gli appelli, le iniziative, le richieste ufficiali delle famiglie alle istituzioni italiane nessuna azione è stata posta in essere per sincerarsi del destino dei bambini.

Bambini che erano di fatto nelle mani di trafficanti di minori.

Che ne è dei 21 bambini?

Come stanno?

Chi si prende cura di loro?

Domande che ognuno si pone ascoltando la terrificante storia dello Scandalo delle Adozioni in Kirghizistan.

Non lo Stato Italiano.

Le famiglie non pretendono nulla da quei bambini, hanno compreso (con profonda sofferenza) che non saranno mai i loro figli.

Non vi è alcuna rivendicazione di diritti, bensì di doveri.

Il dovere della necessità e certezza di sapere al sicuro quei figli perduti.

Il dovere di essere civili e umani.

Ecco perché questa Petizione chiede di sapere come stanno quei bambini.

"Voglio sapere come sta Vova?" è l'ennesimo tentativo di chiedere rispetto e verità.

Per garantire civiltà e umanità.

Vova è uno di questi "bimbi perduti". Vova come emblema di una storia terribile che può ancora avere un "lieto fine".

Il "lieto fine" che racconta di umanità e rispetto per i più fragili.

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!