PETIZIONE CHIUSA

Diciamo basta allo slut-shaming e al bullismo sessista, le donne non devono essere più disapprovate per le loro scelte sessuali e il loro desiderio. Firma e condividi su Twitter hashtag #StopSlutshaming

Questa petizione aveva 305 sostenitori


Negli Usa è nato un progetto che si chiama UnSlut con lo scopo di combattere lo slutshaming e il bullismo sessista ai quali sono sottoposte le donne, anche in occidente malgrado la credenza che le donne godano di ottima autodeterminazione sessuale.

"Lo slutshaming è l'atto di far sentire colpevole o inferiore una donna in base alla sua vita sessuale vera o presunta". (Wikipedia)

Sono vittime di slutshaming anche quelle a cui viene negata l'educazione sessuale per questioni morali, quelle che indossano un vestito che provoca una reazione sessuale naturale nell'altro sesso, ma anche le vittime di stupro considerate "donne facili" o provocatrici.

Questo fenomeno, che non ha confini, ha portato al suicidio molte ragazze. In America ricordiamo Retaeh Parsons, suicida perché i suoi stupratori l'hanno filmata e hanno diffuso il video in rete per vantarsi delle loro prodezze sessuali mentre lei è stata additata come una "slut". In Italia si tolse la vita Carolina Picchio, a causa del fatto che fu filmata mentre ubriaca e poi quel video è stato diffuso in rete rendendola vittima di bulli che l'hanno definita una "zoccola".

Però in America (e alcuni paesi europei) ha coinvolto i media ed è ha aperto un dibattito nell'opinione pubblica, mentre in Italia non solo non c'è la volontà di cambiare questa mentalità, frutto di stereotipi molto radicati, e quindi di considerare le donne pari agli uomini, ma i media italiani sono anch'essi responsabili dello slut-shaming, nel modo di raccontare i casi di "baby-squillo" o nell'usare parole inappropriate per descrivere le donne vittime di stupro o le adolescenti durante le prime esperienze sessuali.

Questa mentalità è fortemente retrograda in quanto non rispetta il principio di parità dei sessi, poiché l'uomo a parità di comportamento viene elogiato. Questo fenomeno è un indice di forte disparità di genere. Lo slutshaming è lo stereotipo più misogino ma anche il più duro a morire.

Per questo motivo ho creato questa petizione. Le firme che verranno raccolte avranno lo scopo di mettere in risalto la volontà di voler abbattere gli stereotipi di genere e quindi il fenomeno dello slutshaming. Questa petizione sarà accompagnata anche dall'hashtag #StopSlutshaming, perché la parità dei sessi passa anche attraverso l'autodeterminazione sessuale delle donne.

Le donne non devono più essere sottoposte a giudizi in base al rapporto che hanno con l'altro sesso o con il proprio corpo poiché questa è soltanto una richiesta di sottomissione e non è un caso se nelle società patriarcali la castità femminile viene considerata un valore, come sigillo che garantisce la proprietà ad un uomo.

 



Oggi: Maria conta su di te

Maria Italy ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Collettività: Diciamo basta allo slut-shaming e al bullismo sessista.Firma e condividi su Twitter hashtag #StopSlutshaming". Unisciti con Maria ed 304 sostenitori più oggi.