PETIZIONE CHIUSA

Ripensare la politica ECM per gli psicologi e sostituirla con una più idonea alla nostra categoria professionale.

Questa petizione aveva 151 sostenitori


Buongiorno

Siamo un gruppo di psicologi/psicoterapeuti iscritti al portale Medicitalia e scriviamo per esprimere la nostra contrarietà verso l’imposizione ai liberi professionisti di un sistema come quello degli ECM, modellato su criteri profondamente diversi da quelli che reggono la nostra professione.

Durante la formazione abbiamo sentito innumerevoli volte dire che la psicologia non è la medicina, che in psicologia la soggettività è tutto e che il fatto che entrambi medico e psicoterapeuta si occupano di salute non è sufficiente a dare per scontate sovrapposizioni.

Oggi, invece, si vorrebbero obbligare tutti gli psicologi a seguire un regime di aggiornamento professionale identico a quello imposto ai medici.

Ma questa non è un’opportunità, come si vorrebbe far credere. Si tratterebbe, piuttosto, solamente di un aggravio insensato alle spese sostenute dagli psicologi, che già si collocano loro malgrado in fondo alle classifiche di reddito medio da professione.

Il sistema ECM era già inadatto agli psicologi in servizio presso la Sanità Pubblica. Non si capisce adesso se sarebbero tenuti ad adottarlo addirittura gli psicologi non clinici, che costituiscono una fetta non indifferente della categoria. A parte questo, il sistema ECM è a maggior ragione inadatto per gli psicologi che svolgono la libera professione.

Il medico è tenuto ad aggiornarsi continuamente attraverso corsi e convegni perché la ricerca, in campo medico-biologico, evolve molto velocemente. Non passa giorno senza che vengano scoperte nuove molecole, nuovi fattori biochimici, nuove attribuzioni al funzionamento dei geni.

Ma in psicologia la ricerca evolve molto meno velocemente. Sia quella non clinica sia, soprattutto, quella clinica. Siamo convinti di non sbagliare affermando che uno psicoterapeuta è perfettamente in grado di imparare gran parte di ciò di cui ha bisogno per condurre con successo la propria attività, da un punto di vista della qualità del servizio offerto, basandosi principalmente sulla formazione canonica ricevuta presso Università e Scuola di Specializzazione, sulla propria esperienza clinica e sullo scambio informale con i colleghi.

Non molto tempo fa si era parlato della possibilità di mettere a punto un sistema di formazione specifico, tagliato su misura per le esigenze della nostra categoria.

Che fine ha fatto tale progetto?

Inoltre, a voler essere ulteriormente critici, ma realisti, si potrebbe affermare che alcuni orientamenti terapeutici sono più adatti di altri per alcune categorie di disturbo. Dunque, se proprio si volesse agire nell’interesse nel paziente/cliente, si dovrebbe prenderne atto e obbligare i colleghi di altri orientamenti a “convertirsi”.

Lo ritenete possibile?

Perché la nostra esperienza mostra che quando qualcuno ha scelto una determinata direzione professionale, raramente rinuncia ai presupposti su cui ha basato tale scelta, per abbracciarne di nuovi. Sì, il cognitivista o lo psicoanalista possono partecipare a corsi e seminari rispettivamente riguardanti argomenti che attengono alla psicoterapia psicodinamica o cognitivo-comportamentale, ma poi nella pratica continueranno a essere l'uno cognitivista e l'altro psicoanalista. Le illuminazioni sulla via di Damasco purtroppo sono rare.

Per tutti questi motivi e altri ancora, già espressi da altri in altre sedi, riteniamo davvero sconcertante la prospettiva di una decisione che sarebbe presa senza tener conto delle specificità che contraddistinguono la nostra professione, in barba ai concetti e ai buoni propositi che abbiamo sentito ripetere in tutti questi anni.

Ribadiamo pertanto il nostro deciso dissenso a questa iniziativa, non riuscendo a capire quali sarebbero le reali motivazioni che dovrebbero spingere all’obbligo dell’adozione indiscriminata di un sistema, quello degli ECM, tanto poco adatto a noi.

Cordiali saluti
Un gruppo di Psicologi/Psicoterapeuti di Medicitalia



Oggi: Giuseppe conta su di te

Giuseppe Santonocito ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "CNOP - Consiglio Nazionale Ordine Psicologi: Ripensare la politica ECM per gli psicologi e sostituirla con una più idonea alla nostra categoria professionale.". Unisciti con Giuseppe ed 150 sostenitori più oggi.