A Ferrara il cemento minaccia un parco cittadino: FIRMA PER DIFENDERLO!

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Il bellissimo parco del quartiere Barco sarà raso al suolo per lasciare spazio all’ennesima colata di cemento. Vogliono abbattere alberi adulti decennali per costruire nuovi palazzi in una zona che non ha la vocazione per essere considerata edificabile e che rappresenta uno dei pochi polmoni verdi di questo quartiere inquinato, che ha assolutamente bisogno di piante.
La zona imputata è situata nei pressi di via Padova, in Via Lodovico Mazzolino: una piccola via a fondo chiuso situata nel quartiere Barco, posta di fronte alla palestra 4 torri.

Il parco alberato è una delle poche oasi verdi rimaste in zona, ed è ora minacciato dal cemento. Non è giusto abbattere quei magnifici alberi, ormai cinquantenari, che rappresentano un patrimonio prezioso per ossigenazione e fitodepurazione dell'aria. L'area verde che costeggia la vicina via Padova è considerata non edificabile, ma si temeva da tempo che la destinazione del parco fosse in discussione. Da diversi giorni, purtroppo, un cartello enorme e ben visibile dalla strada stabilisce che il terreno è in vendita ed edificabile nell'area sita su via Mazzolino, che peraltro è l'unica parte fittamente alberata.

Aiutiamo subito gli abitanti a raccogliere firme per la petizione e indirizzare al nuovo sindaco la nostra richiesta: gli alberi di questo parco costituiscono l'unica barriera difensiva contro le polveri portate dal traffico, intenso e pesante, di via Padova e contro le emissioni della zona industriale. L'area su cui si vorrebbe edificare è considerata "di compensazione", in quanto tale è tutelata e se il comune abbatte un albero, per regolamento, ne deve piantare altri due in territorio comunale. Sembra assurdo che una zona di mitigazione, nei pressi dell'impattante polo industriale, possa essere distrutta dopo pochi anni quando dovrebbe essere vincolata e preservata per molto tempo.

Ci rivolgiamo pertanto all’Amministrazione comunale perché si faccia qualcosa per impedire questo scempio ambientale, garantendo quei pochi polmoni verdi rimasti al Barco, uno dei quartieri più inquinati della città.