Salviamo il Dialma Ruggero

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


L'amministrazione comunale di Spezia ha deciso di cambiare la modalità di gestione del Centro Dialma Ruggiero, privatizzandola. La privatizzazione del centro farà decadere tutto ciò che il Centro rappresenta per tanti cittadini che partecipano alle numerose iniziative portate avanti dalle associazioni che lo animano.

Perché intervenire così drasticamente su uno dei pochi luoghi del sistema culturale e sociale spezzino che funziona, che è frequentato e riconosciuto da tutti i cittadini ed è apprezzato anche fuori città come modello da imitare?

Il Centro Dialma Ruggiero rappresenta un punto di riferimento irrinunciabile per le famiglie, per i bambini, per gli adolescenti, per gli anziani, per le persone con disabilità e per tutti i cittadini. Un luogo che, con le sue attività, ha contribuito alla crescita umana e culturale ed alla socializzazione di migliaia di cittadini, dando vita ad un centro polivalente in grado di offrire una molteplicità di attività tra loro diverse, ma complementari, che non trova altri esempi nel territorio spezzino.

Le attività del Centro hanno svolto un ruolo determinate nell'impedire il degrado di un quartiere che è sempre stato a rischio, grazie alle luci sempre accese, al via vai di bambini, di giovani e di famiglie, rianimando, così, anche il tessuto commerciale limitrofo e garantendone la sicurezza.

Non permettiamo che vengano intraprese azioni che possano mettere a rischio le attività e le funzionalità della struttura, o la sua destinazione d'uso che DEVE RIMANERE a di Centro di aggregazione sociale e culturale A VOCAZIONE PUBBLICA



Oggi: Massimo conta su di te

Massimo VESCOVO ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Cittadini della provincia di Spezia: Salviamo il Dialma Ruggero". Unisciti con Massimo ed 2.963 sostenitori più oggi.