GROTTAGLIE: PETIZIONE CONTRO LA CHIUSURA DEL MERCATO ORTOFRUTTICOLO SETTIMANALE

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


GROTTAGLIE: PETIZIONE CONTRO LA CHIUSURA DEL MERCATO SETTIMANALE ORTOFRUTTICOLO

Il mercato ortofrutticolo settimanale di GROTTAGLIE (TARANTO, PUGLIA) STA MORENDO! Le mani che scrivono sono un puro mezzo a servizio della bocca di lavoratori onesti, a più riprese non tutelati, usati, e ora gettati via! I cinque minuti di tempo che ti richiediamo per noi sono fondamentali, e da essi dipende il nostro LAVORO, la nostra famiglia e quelle dei nostri dipendenti, quindi insomma la nostra VITA!  Il mercato settimanale ortofrutticolo di Grottaglie è nato 7 anni fa come sperimentale con deliberazione della giunta comunale N° 183 Anno 2010; perché Sperimentale? Perché :

“ Si riteneva  di dover dare seguito a quanto suggerito dal Comando di P.M. fermo restando che tale nuova area mercatale destinata, quindi, allo stazionamento dei commercianti ambulanti, prima della sua formale istituzione,attraversasse  un periodo di prova di almeno sei mesi, e per il solo giorno del giovedì , in quanto si era dell’idea che la sperimentazione costituisse la fase empirica necessaria ed imprescindibile per verificare se tale scelta fosse veramente opportuna …”.

Da quell'anno molti operatori hanno creduto in questa realtà, hanno speso tempo, denaro, risorse per farla crescere e creare un’alternativa, un'opportunità, un servizio per il cittadino come oggi lo conosciamo.

7 ANNI DOPO:

 Nei 7 anni trascorsi, dal 2010 ad oggi, la regolamentazione non è mai avvenuta, mentre regolarmente gli ambulanti pagavano e pagano il dovuto per il terreno occupato, per il quale viene ripetuto loro non essere in regola, quindi un “regolare pagamento” per una “non regolare concessione”. Oggi il mercato si presenta come una realtà alternativa per il cittadino medio il quale ha già dimostrato negli anni precedenti l'attaccamento ad esso, sottoforma di rimostranze strenue ai già passati tentativi di chiusura, anche solo considerando il risparmio conseguibile e non i rapporti di fiducia, rispetto od anche amicizia instaurati. Nonostante ciò, nonostante l'interesse dei media locali, nonostante tutto, quest'anno per l'ennesima volta e forse quella definitiva il mercato viene chiuso, senza alcuna giustificazione fondata. Si potrebbe ragionevolmente dire che l’amministrazione, visti i 7 anni trascorsi, non ha alcuna intenzione di rendere effettivo la sezione ortofrutta del mercato che si  auto-sostiene e non ha bisogno di alcun intervento se non sul piano legislativo, dato che non ci sono sostanziali differenze con gli altri mercati settimanali regionali o nazionali, avendo, il comando di P.M, già identificato con il bando di assegnazione del 2010 e visto l’art. 13 comma 6 della Legge Regionale   n. 18/2001 la planimetria di:

“appositi percorsi e aree ove la permanenza degli ambulanti non è sottoposta a vincoli temporali, in generale o da determinate condizioni o in particolari orari.”

Oggi 70 famiglie fanno affidamento economico anche su questo mercato: far rimettere in gioco d’emblée persone di 50 anni di età con famiglia e dipendenti a carico che contano sull’introito quotidiano per barcamenarsi nella marea di tasse e spese che un’attività propria comporta non sembra bastare al sindaco a cambiare idea. Nell'Italia della crisi, del panorama lavorativo depresso, ci si permette di tagliare di netto una compagine che porta cassa al comune, garantisce un servizio, e il tutto senza batter ciglio! Le ragioni addotte, le poche che si riescono a trovare, riguardano la poca perizia degli operatori nella pulizia del suolo da essi occupato, anche se gli stessi operatori che ogni giovedì lavorano a Grottaglie, per tutti gli altri giorni lavorano in altre città plausibilmente da molti più anni  e perfino da generazioni, senza creare questo tipo di problema e solo questo ci permette di dubitare della liceità di quanto dichiarato, sulla base delle foto proposte che oltre a resti di frutta e verdura ammassati vicino ad un cassonetto, sono prive di senso e poco contestualizzabili. Per altro gli stessi operatori hanno chiesto a più riprese di pagare un surplus per lo smaltimento dei rifiuti ORGANICI e BIODEGRADABILI prodotti, che per forza di cose è più che normale che siano in quantità maggiore rispetto ai rifiuti del settore non ortofrutticolo ma sicuramente MENO INQUINANTI! Basta allargare l’orizzonte e pensare ai quintali di rifiuti pericolosi non autorizzati che inondando spesso e volentieri le nostre campagne, per considerare cespi di lattuga, fogliame di carciofi o quant’altro qualcosa di veramente irrisorio e ridicolo  per la tutela dell’ambiente.

Cosa chiediamo al sindaco D’Alò con questa petizione?

  • La revoca dell'ordine di cessazione del mercato ortofrutticolo settimanale impartito al corpo di polizia municipale che si occupa della fruibilità dell'area, vista la mancanza di ragioni VALIDE E CHIARE, NON OPINABILI, dato il contrasto con il parere di larga parte della cittadinanza;
  • Una proroga alla sospensione così repentina e priva verosimilmente di adeguate tempistiche di attuazione della stessa: sarebbe auspicabile quindi che il Primo Cittadino  e la sua giunta, non chiudesse a data da destinarsi il polo ortofrutticolo settimanale per altro trainante, ma che, nell’ottica di voler fare qualcosa per la vitalità di questa parte di mercato, legiferasse per renderlo permanente e lo migliorasse nei punti dov’è carente, in tempi BREVI senza far rimanere a casa con gravi perdite economiche gli operatori del settore.
  • Sanzioni pecuniarie più severe ed individualizzate all’operatore che trasgredisca quanto stabilito in materia di pulizia del posto occupato.

 Mi rivolgo a  voi, che leggete, sono sicuro che anche se non siete mai passati da qui, capirete se vi dico che non ci sembra giusto vivere nell'incertezza del capriccio della politica e nel dover sempre sperare di non finire nel mirino! Per questo vi chiediamo di unirvi a questa causa! Vi ringraziamo per tutta l'attenzione sin qui accordataci, a nome del reparto ambulanti ortofrutticoli di Grottaglie, e delle loro famiglie.



Oggi: Operatori Ortofrutticoli Grottaglie conta su di te

Operatori Ortofrutticoli Grottaglie ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Ciro D'Alò: GROTTAGLIE: PETIZIONE CONTRO LA CHIUSURA DEL MERCATO ORTOFRUTTICOLO SETTIMANALE". Unisciti con Operatori Ortofrutticoli Grottaglie ed 198 sostenitori più oggi.