SALVIAMO BENEDETTO MARCELLO

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


PETIZIONE POPOLARE PER RIVEDERE I LAVORI DI RIQUALIFICA DI VIA BENEDETTO MARCELLO

-Raccolta firme-

Le attività proposte da parte del comune sono inadeguate e non rispettano le reali necessità dei cittadini, promuoviamo quindi il blocco dei lavori previsti in quanto non adeguati al valore storico della zona.

a nome di alcuni comuni cittadini, residenti nella zona di Milano del Municipio 3, più precisamente riconducibili alla via Benedetto Marcello, si sta discutendo lungamente sull’attuale situazione di degrado di questa zona.

La cosa non è nuova a istituzioni e cittadini ed è stata a lungo dibattuta in diverse sedi istituzionali.

La novità più recente è che, in data 10 luglio,  il comune ha ufficialmente presentato i lavori di “Riqualificazione” della Via che sono stati giudicati assolutamente inadeguati a rispettare la volontà emersa precedentemente di rispettare i vincoli posti dalla sovraintendenza ( Vincolo Ambientale secondo la L.1497/39 e apposto con Decreto Ministeriale del 22/06/65 che recita: “…costituite ognuna da bellissimi viali, lungo i quali negli ultimi anni si sono affiancati edifici di grande valore architettonico, veri capolavori di architettura Liberty ed Eclettica, ed estesi tappeti erbosi con giardini…”) e dalle richieste della cittadinanza.

Per questo motivo e come semplici cittadini non soddisfatti dalla proposta avanzata dal comune, promuoviamo una raccolta firme al fine di chiedere che i lavori proposti per la via di Benedetto Marcello rispettino i vincoli proposti dalla Sovraintendenza.

E’ stata aperta una pagina Facebook dove chi è interessato si possa ritrovare e raccogliere maggiori informazioni in merito e che raccoglie già più di 1300 adesioni in 2 settimane dall'apertura della pagina. 

SALVIAMO BENEDETTO MARCELLO

https://www.facebook.com/Salviamo-Benedetto-Marcello-469543580282618

E’ possibile procedere alla firma della petizione presso:

Chiosco Nuhar Cafe' 
Via Benedetto Marcello, 3 

O diventando ambasciatori/trici voi stessi, scaricando la petizione dalla pagina SALVIAMO BENEDETTO MARCELLO per poi inviarcele via mail, oltre a firmare e diffondendo on line ovviamente la presente petizione. 

I fogli firmati dai cittadini possono esserci inviati mediante email:

Mara Pogliani –poglianimara@gmail.com

Zoe Papadia –zoe.papadia@gmail.com

La nostra preoccupazione quindi è che, con la scusa dei lavori di riqualifica e l’aggiunta del parcheggio a pagamento, ci si ritrovi con un “contentino” dato agli abitanti del quartiere che rischia di diventare definitivo nei prossimi anni, quando si aspira ad una zona verde, culturalmente ricca e piacevole da vivere. Il progetto originale mirava ad avere Via Benedetto Marcello riqualificato come la gemella Via Morgagni, con punti di ritrovo, un punto polisportivo ed una zona curata con viali alberati. I progetti erano già stati vagliati e controfirmati dalla giunta in essere attualmente al municipio, ma in questi lavori di riqualificazione che sono stati approvati, senza tenere conto né delle disposizioni della sovraintendenza delle belle arti e ne dalla forestale e ne dai progetti già approvati, non si parla d'altro che di una semplice RIASFALTATURA per un'area di parcheggio adibendola ad area mercatile che di legge non potrebbe nemmeno essere ed una semplice potatura delle siepi dei giardinetti. I soldi che sono stati raccolti dai cittadini della via con la vendita dei box vicino all'orso bianco, servono a ben altra riqualificazione della zona, non a dei meri contentini, perché di questo si parla, del resto tutto tace e non viene preso in considerazione, senza dare spiegazioni, nonostante l'approvazione già firmata. Perché? 

Richiediamo risposte chiare in merito alle domande poste dalla cittadinanza:

Come saranno utilizzati i fondi incassati dal comune nel 2011 dalla società Silos ammontanti per la cifra di 890.000 €?
Perché non è stato previsto il rifacimento del suolo di Benedetto Marcello come originario con San Pietrini ed il riposizionamento del porfilo decorato in Via Mercadante, ma ci si limita ad una semplice riasfaltatura?
Perché non viene ripristinato il manto erboso e gli alberi come indicato dalla Sovraintendenza forestale e delle belle arti? Perché non si è deciso di adempiere ai progetti già controfirmati da tutti dando il via ai veri lavori di ristrutturazione? 

Firmate, così daremo voce alle nostre richieste, prima che sia troppo tardi. 

Grazie a tutti per l'aiuto.

Mara Pogliani e Zoe Papadia