Avvocati: la giusta previdenza

Avvocati: la giusta previdenza

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
Pier Vincenzo Garofalo ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Cassa forense, Parlamento italiano

Un nostro collega dopo tanti anni di professione, tribunali, cancellerie, giudici, clienti, fascicoli, scadenze varie, pile di libri e molti sacrifici ha scelto di andare in pensione. 

Sessantasette anni, non sono tanti, ma neppure pochi, a questa età sarebbe giusto avere la possibilità di scegliere se continuare a lavorare o godersi la propria famiglia, i propri affetti. Sarebbe... perché con 310€ al mese non si arriva neppure alla seconda settimana. Eppure i contributi versati alla Cassa non sono pochi, con le stesse somme versate all'INPS avrebbe ottenuto un assegno pari almeno al doppio. 

È quindi giunto il momento di ribellarsi, un trattamento del genere è umiliante ed indecoroso. Chiediamo alla Cassa Forense di ridurre gli sprechi e concentrarsi su una "giusta previdenza". In alternativa, che si dia agli avvocati la facoltà di scegliere a chi versare i propri contributi.

Per chi non avesse letto il post, può approfondire cliccando su questo link: https://www.facebook.com/1016100795/posts/10217386179779225/?app=fbl

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!