PETIZIONE CHIUSA

INTERNET E' UN DIRITTO BASTA DIVARIO DIGITALE

Questa petizione aveva 7 sostenitori


BASTA DIVARIO DIGITALE


Ad oggi moltissimi di noi, a causa della lentezza e del ritardo da parte delle istituzioni e delle società di telecomunicazioni, si trovano a vivere una situazione paradossale, che si concretizza in un divario ti accessibilità al mondo digitale, fra chi vive nei grandi centri urbani, che ormai da anni possiede connessioni a banda larga, e chi vive anche di poco fuori nelle periferie, costretto da infrastrutture obsolete e fatiscenti, ad avere una connessione inutile, assolutamente non in grado di fornire un servizio funzionale, questo si ripercuote non solo sui privati cittadini ma anche e sopratutto sulle aziende che usano queste connessioni per dare visibilità e fornire servizi ai propri clienti, costringendo di fatto queste realtà ad optare con soluzioni costosissime e per niente funzionali, per poter lavorare.


Il vero paradosso sta però nel fatto che entrambe le realtà, di chi possiede connessioni a banda larga e chi invece no, si trovano ad avere LO STESSO COSTO MENSILE, pur avendo un divario nel servizio erogato abissale.


Chiediamo quindi al governo e al Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, di fare una legge che obblighi le società di telecomunicazioni ad approntare piani Flat, che offrano le stesse CONDIZIONI di accessibilità a tutti, CON SISTEMI CHE GIÀ ESISTONO come la tecnologia 4G e 4.5G, che già ora copre gran parte del territorio nazionale, ma che impone delle limitazioni di traffico e dei costi finali tali, da renderla di fatto inutilizzabile, per dare connettività ad abitazioni e aziende.



Oggi: Simone conta su di te

Simone Borghi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Carlo Calenda: INTERNET E' UN DIRITTO". Unisciti con Simone ed 6 sostenitori più oggi.