Solidarietà ai militari della Guardia di Finanza

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Questa petizione ha lo scopo di manifestare la solidarietà della popolazione italiana ai militari del corpo della Guardia di Finanza che con spirito di sacrifico, abnegazione e spiccato senso delle istituzioni, compiono quotidianamente il proprio dovere per dare seguito al giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana.

Con riferimento al recente episodio dello speronamento della imbarcazione della Guardia di Finanza da parte della Motonave Sea Watch che è entrata nel porto di Lampedusa violando il blocco navale legittimamente imposto dallo Stato Italiano, vorremmo esprimere il nostro più profondo rammarico e la nostra più sentita solidarietà verso il Corpo e verso tutti i militari, di ogni ordine e grado, che quotidianamente si impegnano con spiccato senso del dovere e abnegazione nel portare avanti il loro giuramento di fedeltà alla Repubblica per prestare il proprio servizio nell’interesse esclusivo delle Istituzioni.
 
Non rispettare l’operato del Corpo, svilirne l’efficacia anche con valutazioni giornalistiche e pronunce giudiziarie che, quantomeno, ne mettono in discussione l’onore e l’integrità è insopportabile !
 
Leggere che le navi della GdF non sono navi da guerra, in barba agli ordinamenti militari ed alle sentenze della cassazione (Cassazione penale, sez. III, 14 giugno 2006, n. 31403) pone dei seri interrogativi che devono quantomeno preoccupare sulla capacità e sulla volontà delle Istituzioni di un Paese di sostenersi a vicenda per mantenere salda l’integrità di una nazione intesa come un corpo unico ed unitario.
Interventi autolesionistici di una parte di un corpo unico a danno di un'altra (che si è comportata comunque nel rispetto ed in esecuzione delle leggi dello Stato) è un atto grave, ma anche il possibile sintomo di una decadenza del “senso delle istituzioni” i cui effetti potrebbero essere devastanti.
 
Tutta la nostra solidarietà al Corpo ed ai suoi rappresentanti.


Vuoi condividere questa petizione?