10 proposte per le nuove generazioni

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


In Italia c’è una grande questione giovanile: l’abbandono scolastico, il calo delle iscrizioni all’università, la disoccupazione giovanile, il lavoro precario, sottopagato e spesso completamente slegato dal percorso di studi.

Sono tutte questioni di cui ci occupiamo da sempre, ogni giorno, su cui abbiamo fatto tante proposte, che troppe volte sono rimaste inascoltate dalla politica.

Chiediamo a tutti i candidati alla Camera dei Deputati, al Senato della Repubblica e alla Regione Lazio nei collegi di Roma Est, Rieti e della Valle dell'Aniene di assumere queste 10 proposte come impegni da attuare nella prossima legislatura. 

LE 10 PROPOSTE DELLA CGIL PER LE NUOVE GENERAZIONI

Lavoro
Due anni fa, abbiamo presentato un piano straordinario per l’occupazione giovanile e femminile da 30 miliardi di euro di investimenti pubblici, per creare direttamente circa 600 mila posti di lavoro e in grado di generare 1 milione e 368 mila posti di lavoro aggiuntivi e portare la disoccupazione sotto il 5%.

Diritti
Qualunque lavoro si faccia, in qualunque modo si svolga la propria attività, qualsiasi tipo di contratto si abbia, esistono dei diritti che devono essere sempre riconosciuti e garantiti. Abbiamo già presentato in Parlamento una proposta di legge, firmata da 1 milioni di cittadine e cittadini, per fare in modo che questo principio diventi legge e valga per chiunque lavori.

Diritto allo studio
Il diritto allo studio è il motore del Paese. Per questo c’è bisogno, sempre di più, di finanziare l’insieme di servizi che sostengono le studentesse e gli studenti, come le borse e assegni di studio, sussidi, le case dello studente e stabilire dei livelli essenziali delle prestazioni in modo da rendere il diritto allo studio conforme su tutto il territorio nazionale.

Obbligo scolastico a 18 anni
In Italia l’abbandono scolastico, nel 2016, è stato pari al 13,8%, un dato ancora lontano dall’obiettivo Europa 2020 del 10%. Abbiamo sempre sostenuto la necessità di portare l’obbligo scolastico a 18 anni, per combattere la dispersione scolastica e favorire l’accesso ai più alti livelli di istruzione per tutte e tutti.

Abolizione del numero chiuso all'università
Il numero chiuso, oggi, è la dimostrazione più evidente che il nostro sistema universitario è carente di strutture, di docenti e di fondi. Dobbiamo ripartire da qui, dal rifinanziamento, per avere le università pubbliche e in cui tutti siano messi nelle stesse condizioni di proseguire e concludere il loro percorso di studi.

Sharing economy, sharing rights
La sharing economy è una grande opportunità per promuove il riuso, il riutilizzo e la condivisione attraverso l’uso di nuove tecnologie utili a rafforzare un modello di economia circolare Per le piattaforme di food delivery c’è uno straordinario giro d’affari di 400 milioni di euro per le imprese e la totale assenza di diritti per i rider. A chi fa più di 15 ore alla settimana di consegne e che, quindi, vive di questo impiego e non fa un “lavoretto” vanno garantiti gli stessi diritti di chi lavora nel settore della logistica delle merci.

Tirocini
Troppe volte la parola “tirocinio” nasconde sfruttamento, lavoro sottopagato e precarietà. I tirocini devono essere vera formazione, per questo bisogna portare il rimborso mensile a 800€, ridurrne la durata a 6 mesi, impedire che la stessa azienda attivi un secondo tirocinio con lo stesso tirocinante e vietare i attivare tirocini per professionisti abilitati o qualificati all’esercizio della professione.

Contro lo sfruttamento dei promoter
Nel mondo delle promozioni tante persone si trovano a lavorare sottopagate, senza tutele e senza nessuna prospettiva. Questi lavoratori devono passare dai finti contratti di collaborazione occasionale al part-time, gli va garantito un fisso che sia adeguato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto  e che il rimborso per eventuali spese passi dagli attuali 90 a 30 giorni dall’attività di promozione svolta.

Alternanza scuola-lavoro
È di fondamentale importanza che siano garantiti diritti e percorsi formativi di qualità a tutti gli studenti che prendono parte all’alternanza scuola lavoro, Crediamo sia necessario condividere a livello almeno regionale quali sono le priorità e gli obiettivi dei progetti per renderla un laboratorio di sperimentazione, innovazione e applicazione di competenze trasversali.

Microcredito agli under 30 non bancabili
Un giovane che ha un’idea d’impresa difficilmente riesce a vederla trasformare in realtà a causa delle condizioni e delle garanzie richieste dagli istituti bancari. Dobbiamo individuare e destinare risorse pubbliche per trasformare le idee dei giovani in sviluppo per il Paese, con un fondo ad hoc per gli under 30, con tassi e condizioni agevolati.

APPROFONDISCI LE PROPOSTE



Oggi: Cgil Rieti Roma Est Valle dell'Aniene conta su di te

Cgil Rieti Roma Est Valle dell'Aniene ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Candidati a Camera, Senato e Regione Lazio: 10 proposte per le nuove generazioni". Unisciti con Cgil Rieti Roma Est Valle dell'Aniene ed 138 sostenitori più oggi.