Maggiore autonomia di difesa per i nostri Carabinieri. Giustizia per Mario Cerciello Rega.

Maggiore autonomia di difesa per i nostri Carabinieri. Giustizia per Mario Cerciello Rega.

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Luigi Capasso ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Camera dei deputati e a

DOTIAMO I NOSTRI CARABINIERI DI MAGGIORE AUTONOMIA DI DIFESA CONSENTENDO L'USO LEGITTIMO DELLE ARMI IN PIÙ FATTISPECIE. 

Gli articoli 52 e 53 del codice penale sulla difesa e l'uso legittimo delle armi recitano cosi':

(52) "Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di una offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa. Nei casi previsti dall’articolo 614, primo e secondo comma, sussiste il rapporto di proporzione di cui al primo comma del presente articolo se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere: a) la propria o altrui incolumità; b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione.La disposizione di cui al secondo comma si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all’interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale." 

(53) "Ferme le disposizioni contenute nei due articoli precedenti, non è punibile il pubblico ufficiale che, al fine di adempiere un dovere del proprio ufficio, fa uso ovvero ordina di far uso delle armi o di un altro mezzo di coazione fisica, quando vi è costretto dalla necessità di respingere una violenza o di vincere una resistenza all’Autorità e comunque di impedire la consumazione dei delitti di strage, di naufragio, sommersione, disastro aviatorio, disastro ferroviario, omicidio volontario, rapina a mano armata e sequestro di persona (1). La stessa disposizione si applica a qualsiasi persona che, legalmente richiesta dal pubblico ufficiale, gli presti assistenza. La legge determina gli altri casi, nei quali è autorizzato l’uso delle armi o di un altro mezzo di coazione fisica. (1)Comma così modificato dalla L. 22 maggio 1975, n. 152."

SI CHIEDE UN INTERVENTO NORMATIVO AL FINE DI SCONGIURARE MORTI INGIUSTE COME QUELLA DEL VICEBRIGADIERE MARIO CERCIELLO REGA.

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!