Basta bus in fiamme a Torino, per la sicurezza sui mezzi pubblici

Basta bus in fiamme a Torino, per la sicurezza sui mezzi pubblici

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Maurizio Marrone ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Appendino (Sindaco)

Continuano a prendere fuoco gli autobus GTT del trasporto pubblico locale a Torino: il più recente sulla linea 59 all'angolo tra corso Regina Margherita e corso Svizzera nella notte di questo sabato 2 febbraio, quando l'autista ha dovuto personalmente spegnere l'incendio divampato nel vano motore. Ma ancora prima il 9 gennaio, in via Cibrario un autobus della linea 71 ha preso fuoco all’improvviso, con il conducente rimasto intossicato nel tentativo di domare le fiamme, mentre i passeggeri sono stati fatti scendere all’istante dal mezzo, a quell’ora stipato di gente. Ma la serie di roghi sui mezzi pubblici torinesi è lunga:  6 gennaio un pullman della linea 36 in corso Francia all’altezza del Villaggio Leumann, 17 dicembre un autobus in via Artom a Mirafiori, due settimane prima un mezzo pubblico a Settimo Torinese, il 16 novembre la linea 5 che va a fuoco in corso Galileo Ferraris, il 18 che va in fiamme su via Passo Buole a settembre. Un bollettino di guerra.

Mentre la Procura ha aperto un'indagine il Sindaco Appendino cosa fa? Eppure la società GTT che gestisce il trasporto pubblico locale a Torino dipende dalla sua Amministrazione comunale grillina, che pone sempre maggiori limitazioni al traffico automobilistico invitando la cittadinanza a servirsi di mezzi pubblici che prendono fuoco ormai regolarmente.

Chiadiamo la tutela della sicurezza dei cittadini (passeggeri, operatori TPL e passanti), con la revisione immediata del parco mezzi GTT e la puntuale revisione/sostituzione degli autobus difettosi.

 

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!